Articoli

Codemasters acquisisce Slightly Mad Studios

Il franchise di Project Cars si aggiunge allo stellare portfolio dell'azienda detentrice delle serie di GRID, DiRT e altri ancora

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




Codemasters ha annunciato di aver accettato di acquisire lo studio specialista in simulazioni di corse Slightly Mad Studios.

L’accordo consolida la posizione di Codemasters come sviluppatore ed editore di  prim’ordine nell’ambito dei videogiochi di corse, ed espande dunque il suo portfolio includendo l’acclamata serie di Project Cars, insieme a un titolo ancora non annunciato (forse Project Cars 3, di cui si vocifera già da inizio anno).

Codemasters

L’ACCORDO

Frank Sagnier rimarrà CEO di Codemasters Group (che ora include Slightly Mad Studios), mentre Ian Bell manterrà la sua posizione di fondatore e CEO di Slightly Mad Studios. Codemasters ora impiega circa 700 persone in tutto il mondo con uffici a Londra, Birmingham, Southam e Runcorn.

Entrambe le società condividono una ricca storia nella creazione di giochi di corse AAA. Mentre Codemasters risulta essere leader nel Regno Unito da oltre 30 anni, oltre a essere creatore delle acclamate proprietà intellettuali delle serie di DiRT, GRID e di quella ufficiale della Formula 1, Slightly Mad Studios, attivo da oltre 10 anni, ha dato vita all’acclamato franchise di Project Cars. Quest’ultimo studio ha lavorato su altre simulazioni di corse, inclusi due titoli Need for Speed ​​per conto di Electronic Arts.

A PROPOSITO DELL’ACQUISIZIONE

Frank Sagnier, amministratore delegato di Codemasters, ha dichiarato:

Siamo lieti di portare uno sviluppatore di giochi di corse così incredibile nella famiglia Codemasters, e questo inequivocabilmente ci porta a stabililrci come una potenza globale nello sviluppo di titoli di corse. Condividiamo la stessa passione e visione, e la nostra nuova partnership accelererà la nostra crescita. Con l’arrivo sul mercato di più servizi di streaming e la prossima generazione di console di gioco previste per il 2020, questo è senz’altro il momento perfetto per Codemasters per compiere il passo successivo.

Ian Bell, fondatore e amministratore delegato di Slightly Mad Studios, ha aggiunto:

Il nostro portfolio di giochi di corse combinate è l’invidia del settore, e questa nuova partnership ci consentirà di imparare gli uni dagli altri, condividendo risorse e sfruttando le piattaforme e la tecnologia emergenti. Il mio team è entusiasta di entrare a far parte di Codemasters e non vediamo l’ora di creare una relazione basata sulla creatività, la passione e il desiderio di creare nuove esperienze di guida che entusiasmino e delizino le nostre community di utenti.

Tags

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




1 commento su “Codemasters acquisisce Slightly Mad Studios”

Commenta questo articolo