Staff

Edoardo Ullo

Edoardo Ullo, direttore e fondatore de IlVideogioco.com

Nato a Palermo il 6 giugno del 1977, giornalista pubblicista dal 24 maggio 2002, ha iniziato la sua carriera nella carta stampata scrivendo di sport per la redazione palermitana de La Sicilia nel febbraio del 2000. Tante le collaborazioni ed uffici stampa nel corso di questi anni.

Tuttavia, nel settembre del 2010 torna ad uno dei suoi amori di sempre: fonda IlVideogioco.com e 2 anni dopo lo registra al Tribunale di Palermo come testata giornalistica online. Ama i retrogames (piattaforme preferite Olivetti Prodest PC 128, Commodore 64 ed Amiga), i giochi di ruolo (action, alla Diablo, e classici), i giochi sportivi e le avventure grafiche punta e clicca. Litigato con gli fps, sta tentando di riappacificarsi con scarsi risultati. Incuriosito dai gestionali, manageriali, dagli RTS e dalle produzioni indie.

La missione del sito è quella di dare voce a tutti, ma proprio a tutti, anche ai personaggi stessi dei giochi ma anche ai piccoli sviluppatori.


Antonio Patti

Antonio Patti, collaboratore Pc, PlayStation 4, Xbox One

Ha due grandissime passioni nel cuore: giocare a calcio e, soprattutto, giocare e parlare di videogiochi di ogni genere, tempo e provenienza.

Nato nel 1985, dall’età di 4 anni e mezzo è stato posto di fronte ad un Commodore Amiga 1000. Da quel giorno è nata una passione che è viva e forte ancora oggi. Più passa il tempo e più la passione aumenta. Naturalmente, tanta voglia di scrivere e dialogare di videogiochi non poteva restare fine a sé stessa: prima ha cominciato a leggere K-Games, poi Pc Zeta, per finire ad una decennale lettura di Giochi per il Mio Computer.

Dal 2008, ha prestato le sue conoscenze e la sua passione alla collaborazione con diversi siti di videogiochi. Collabora con Ilvideogioco.com dal 2013.


Giuseppe Filiti

Classe 1990, al momento studia Lingue e traduzione per le Relazioni Internazionali e lavora attivamente su diversi progetti relativi alla traduzione e alla mediazione linguistica. La passione per il medium videogioco è scattata all’età di 6 anni grazie al padre appassionato di tecnologia e possessore di un Commodore 64, e da allora non lo ha mai lasciato.

Focalizzato in particolar modo sul mondo Pc e Sony, non disdegna comunque titoli provenienti da altre piattaforme, soprattutto se appartenenti ai suoi generi preferiti, ovvero sparatutto, giochi di ruolo e survival horror. Ritiene fermamente che i videogiochi abbiano un incredibile potenziale narrativo ancora in larga parte inespresso, ed è un accanito studioso della correlazione tra racconto e videogioco in tutte le sue forme – meglio ancora se queste ultime provengono dalla terra del Sol Levante.

Appassionato di storia, fantascienza e in generale di tutto ciò che è nerd, ha l’abitudine di divorare avidamente tutti i libri sul game design sui quali riesce a mettere le mani, nella speranza di poter, un giorno, entrare nel campo come creatore.