ArticoliIn primo pianoMulti

Chernobylite, video per ringraziare i fan

Gli sviluppatori hanno arricchito il video di presentazione fatto per la Gamescom con materiale inedito per i supporter

Chernobylite è, senza ombra di dubbio, un videogioco che non bisogna prendere sotto gamba. Nuovo progetto di quel The Farm 51 che ha realizzato l’interessante Get Even (che abbiamo recensito a suo tempo), Chernobylite ha trovato sostegno tramite una raccolta fondi su Kickstarter che ha permesso – agli sviluppatori – di dar vita ad un survival horror spiccatamente fantascientifico, ambientato nella spettrale cittadina di Chernobyl, teatro del disastro nucleare del 1986 che ha segnato per sempre la storia dell’umanità.

Storia non lineare, elementi di sopravvivenza che mettono a dura prova le capacità del giocatore ma, soprattutto, una tecnologia proprietaria che permette, ai programmatori, di ricreare degli ambienti tridimensionali con una fedeltà molto alta alla realtà. Soprattutto questa tecnologia riesce a rendere Chernobylite più interessante di qualsiasi altro videogioco a tema, senza tralasciare il fatto che noi giocatori potremo rivivere quel giorno nefasto di primavera del 1986, alla luce delle più recenti rivelazioni in merito.

In un certo senso, potremmo aggiungere, il titolo cavalca anche l’onda del successo della mini-serie TV andata in onda su Sky lo scorso maggio, che ha narrato con dovizia di particolari i tragici fatti accaduti in Ucraina ormai trentatré anni fa.

Gli sviluppatori di Chernobylite hanno ritenuto opportuno ringraziare tutti gli appassionati videogiocatori che li hanno sostenuti via Kickstarter, realizzato un video con gameplay inedito. Non è altri che la clip estesa di quella mostrata alla recentissima Gamescom 2019.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dopo il video, ecco l’elenco delle principali caratteristiche, nonché i punti di forza, di Chernobylite:

  • Esplorazione di una bellissima e terrificante zona di esclusione di Chernobyl, grazie ad una tecnologia di scansione tridimensionale concepita per lo scopo;
  • Possibilità di collaborare o competere con gli altri esploratori della Zona. Ad ogni modo “fidarsi è bene, non fidarsi e meglio”, perché nessuno sa cosa gira nella testa di un esploratore della Zona;
  • Sfida a minacce naturali e sovrannaturali;
  • Storia non lineare, fantascientifica, horror e ad alto tasso di tensione;
  • Gestione di equipaggiamento e forniture molto realistico e soggetti a principi fisici e chimici come mai prima d’ora;
  • Combattimenti contro creature provenienti da una realtà alternativa;
  • Attrezzi per analizzare ed investigare ogni genere di campione proveniente dalla Zona.

Ricordiamo che Chernobylite è attualmente in fase di sviluppo, mosso da Unreal Engine 4 e da Reality 51 Scanning Technology. Il gioco sarà fruibile in forma di accesso anticipato nel corso del prossimo autunno e verosimilmente approderà su Pc, PS4 e Xbox One, come accadde per Get Even all’esordio.

Tags

Commenta questo articolo