ArticoliVideoMulti

MotoGP 19, ecco le novità del Multiplayer

Server dedicati e Race Director Mode per un’esperienza più affidabile e divertente. Video e dettagli

Il comparto multiplayer di MotoGP 19 è protagonista di un nuovo video diffuso da Milestone. La software house italiana ha diramato ovviamente i dettagli.

E sono state annunciate grandi novità alla sessione multigiocatore del venturo titolo ufficiale sul motomondiale in arrivo il 6 giugno su Pc, PS4 ed Xbox One. La versione Switch debutterà il 27 giugno.
Il multiplayer, dunque, si arricchisce di importanti novità sia dal punto di vista tecnico che di gameplay. Gli sviluppatori hanno deciso di dedicare grande attenzione all’implementazione di tecnologie che potessero migliorare sensibilmente il gameplay online, oltre ad arricchirla con nuove funzionalità che permettessero ai giocatori di vivere un’esperienza di gioco più realistica ed autentica.

LE NOVITA’

Dopo il gameplay, quindi, mostrato qualche giorno fa, adesso tocca al multiplayer. Ecco il trailer sottotitolato in italiano. A seguire, invece, le informazioni relative.

SERVER DEDICATI POWERED BY GAMELIFT

Il primo passo per migliorare la qualità dell’esperienza multiplayer di MotoGP 19 è stato quello di utilizzare, per la prima volta nella storia dei giochi Milestone, i server dedicati per la gestione delle partite online. Come in qualsiasi gioco multiplayer, infatti, l’infrastruttura di rete è fondamentale per garantire l’affidabilità e la stabilità di cui giocatori hanno bisogno per poter competere al meglio. L’adozione di Server Dedicati permette infatti di avere una bassa latenza, per gare più fluide e senza quei lag che potrebbero compromettere le performance durante una gara.

Michele Caletti, producer di Milestone, ha commentato:

Quando si parla di multiplayer online, i giochi racing sono tra i più esigenti in termini di ampiezza di banda e ping time. Devono infatti riprodurre in un ambiente di rete, l’azione frenetica di bolidi che sfrecciano a più di 300 Km/h, in cui la precisione nelle collisioni e nella posizione degli avversari è fondamentale. Grazie ai Server Dedicati di GameLift, le fluttuazioni nei ping time e i problemi derivanti dalle differenze di banda dei partecipanti alla partita sono ormai solo un lontano ricordo. Tutti i giocatori potranno finalmente sfidarsi ad armi pari.

Jen MacLean, worldwide head of business development di amazon game tech, ha spiegato:

Amazon aiuta gli sviluppatori a pensare in grande e a realizzare giochi ancor più grandi, siamo davvero contenti che Milestone abbia deciso di affidarsi a GameLift per il suo MotoGP 19. GameLift aiuta gli sviluppatori ad ottenere un Multiplayer stabile, affidabile e con una bassa latenza.

LOBBY PUBBLICHE, LOBBY PRIVATE E RACE DIRECTOR MODE

In MotoGP 19 è possibile scorrere la lista delle lobby pubbliche per cercare la partita più adatta alle proprie esigenze oppure. Grazie alle lobby private, quindi,  si potrà creare un Gran Prix completamente personalizzabile per gareggiare solo con gli amici.

Insieme alle Lobby Private, Milestone ha introdotto, per la prima volta nella serie, la modalità Direttore di Gara, che permetterà di gestire ogni aspetto delle competizioni fra amici. Il Direttore di Gara potrà infatti decidere a proprio piacimento quali sessioni di gara includere nella sfida, oltre a decidere in quali condizioni meteo si dovranno fronteggiare i partecipanti.

Durante la gara avrà invece la facoltà di assegnare penalità in caso di comportamenti scorretti in pista, proprio come accade durante un vero Gran Premio. Grazie al ruolo di TV Director, avrà inoltre la gestione completa delle telecamere di gioco, per essere sempre nel vivo dell’azione e gestire in completa autonomia la regia dei propri livestream.
Le novità introdotte quest’anno per la modalità multiplayer, richieste a gran voce dalla community di appassionati del gioco, sono un’ulteriore conferma dell’importanza che i feedback della community hanno avuto nel processo di sviluppo del gioco.

Tags

1 commento su “MotoGP 19, ecco le novità del Multiplayer”

Commenta questo articolo