RecensioniMulti

Fifa 19, Recensione Pc

EA Sports puntella il suo calcistico con novità interessanti. Torna la Champions protagonista de Il Viaggio

L’inizio della nuova stagione calcistica su Pc e console è sempre un evento importante. Da anni Fifa e PES si contendono la palma del migliore in questo contesto. E da anni il pubblico si divide sul quale sia il re.

La settimana scorsa (28 settembre) ha fatto il suo debutto Fifa 19. Un’edizione particolarmente attesa perché presenta diverse novità. Tra queste la più importante è senza dubbio il ritorno dopo oltre dieci anni della Champions League. Una licenza, a dir poco, appetibile che offre ai giocatori la possibilità, sia pure virtuale, di affrontare da protagonisti il torneo continentale più importante per club.

Al tempo stesso, però, c’è sempre molta curiosità per vedere cosa EA Sports si inventi per offrire una ventata di novità adeguata alla nuova stagione. Se la Champions League è la vera novità, la modalità Il Viaggio si rinnova ancor di più offrendo un ruolo di particolare protagonista proprio alla competizione Uefa che fa da sfondo alle vicende di Hunter e soci.

Il tutto si affianca alle modalità già conosciute e soprattutto ad altre piccole novità che più avanti nella recensione andremo a trattare.

Ecco la nostra recensione della versione Pc. Buona lettura.

UN VIAGGIO CHIAMATO CHAMPIONS LEAGUE

Non si può non partire con il ritorno della Champions League. La serie Fifa torna ad ospitare ed offrire il massimo torneo continentale per club ai suoi utenti dopo oltre 10 anni. In passato aveva addirittura dedicato titoli standalone alla kermesse poi la licenza passò a Konami per il suo PES.

La presenza di questo torneo offre una variante contenutistica non da poco ed EA Sports, con la sua maestria, ha saputo catturare l’atmosfera delle partite. Giocare la Coppa dei Campioni (si, siamo nostalgici) in Fifa 19 vuol dire immergersi in battaglie calcistiche dove non ci si può distrarre dal pubblico né tanto meno fare impaurire dalla posta in gioco.

Ma la Champions è anche protagonista della modalità Il Viaggio. Il nostro Alex Hunter torna più forte che mai assieme alla sorella Kim ed all’amico-rivale (ma se non altro onesto) Danny Williams. La Storia di Fifa 19 è giunta al terzo appuntamento dopo l’esordio in Fifa 17 ed il ritorno nel 18.

Svelando poco o nulla della trama ma parlando di questa che è ormai diventata una modalità di rilievo nel gioco di EA, possiamo affermare che le novità di quest’anno sono parecchie. Come detto, saranno tre i protagonisti con Hunter andato finalmente al Real Madrid, sua sorellina di appena 16 anni che si propone come astro nascente della nazionale statunitense che – per inciso – è una delle potenze del calcio femminile mondiale, e di Danny Williams che tenta di salvare la sua carriera dopo prestazioni altalenanti dovute anche alla sua condotta fuori dal campo un po’ distratta.

Le tre storie personali sono molto interessanti e gli intrecci alcune volte sono sorprendenti. La trama si infittisce e gli autori hanno saputo offrire un validissimo canovaccio sfruttando sempre il taglio cinematografico che contraddistingue da sempre questa modalità.

Come da tradizione, ormai, anche in Fifa 19, Il Viaggio ci pone davanti a scene di intermezzo lunghe, dialoghi ai quali dovremo fare la massima attenzione e, come in un gioco di ruolo, alcune scelte da compiere seguendo tre principi di massima con risposte equilibrate, focose o più pacate che incideranno nell’impatto dei nostri protagonisti con chi li circonda.

Il gioco ci farà alternare (suggerendoci anche quando ma lasciandoci liberi di continuare liberamente) fra i tre protagonisti. Di Alex Hunter sappiamo molto e questa del 2018/19 vuole essere la stagione del rilancio, del riscatto con l’approdo ai Blancos che già nella scorsa stagione era stato solamente paventato e che fu l’inizio di tante tribolazioni. Il buon Hunter cerca la consacrazione internazionale.

Con Kim Hunter il calcio femminile avrà un ruolo da protagonista in questa modalità visto che dovremo guidare la giovanissima atleta.
Ci ha colpito, tra le fasi iniziali, un frammento colto nelle scene di intermezzo. Vedremo la Hunter tesissima al suo esordio da titolare (era già presente in Fifa 18, ricorderete) in nazionale nello scontro diretto con il Canada in una partita delle qualificazioni per la International Cup (la coppa del mondo femminile) dove però le due nazionali hanno già ottenuto il pass per la competizione. Si gioca per la prima posizione e per la supremazia in Nord America.

Siamo nel tunnel che conduce al campo e dopo le raccomandazioni delle sue compagne di squadra più esperte, una rivale canadese intuisce la tensione, palpabile, nel volto della Hunter. A quel punto la guarda ammiccando proprio come farebbe uno squalo con la sua preda. Non andiamo oltre.

Troverete altre chicche disseminate in questa lunga modalità come ad esempio nella partenza: giocheremo nei panni del nonno di Alex, in un Manchester United-Coventry degli anni ’70. Atmosfera splendida che ci ricorda quella delle finali del passato presenti nel vecchissimo e sempre osannato Fifa 98 World Cup. In questo mini-scenario troveremo tante cose dell’epoca e tutte coerenti (compresi i vestiti del pubblico e l’abbigliamento sportivo, meno ricercato). Vintage ma un sapore antico che personalmente ci è piaciuto tantissimo.

Ne Il Viaggio, chiaramente, si alterneranno dialoghi e scelte, con allenamenti (che suggeriamo di svolgere manualmente) per migliorare le caratteristiche di ognuno assegnando i vari punti abilità e scegliendo dove applicarli. In questo modo si sceglie, nelle fasi iniziali, il proprio ruolo. Finalizzatore, rifinitore, regista, uomo d’area e così via. Come sempre dovremo far colpo in allenamento ma anche in campo dovremo soddisfare certe richieste che varieranno a seconda della nostra posizione in campo.

Possiamo scegliere i mentori ed affinare la nostra affinità con loro nel tentativo di “ispirarci” alle loro caratteristiche.

Tutto molto interessante così come alcuni richiami che si rifanno ai salvataggi in Fifa 18. Unica nota negativa i tantissimi caricamenti tra un segmento e l’altro. Ma per il resto, una modalità da gustarsi con calma e che nel corso di questi anni ha sempre impressionato sia a livello contenutistico che in profondità.

LE ALTRE NOVITA’: OLTRE ALLA CHAMPIONS C’E’ DI PIU’

Continuiamo a parlare delle novità di Fifa 19. Gli sviluppatori hanno rivoluzionato la modalità calcio di Inizio. Fino a Fifa 18 era l’opzione per disputare le amichevoli. Ma qui il concetto è stato ampliato all’ennesima potenza potendo impostare da qui tante opzioni.

Potremo scegliere addirittura l’ambientazione come se fosse uno scenario incluse le varie fasi della Champions League ma anche la possibilità di giocare le finali delle coppe nazionali dove si potrà scegliere qualunque formazione e far giocare l’atto conclusivo.

Non finisce certamente qui. Si possono scegliere regole personalizzate capaci di “riscrivere” le dinamiche di questo sport. Nella modalità Sopravvivenza, ad esempio, ogni goal realizzato corrisponde ad un’espulsione di un giocatore random della propria squadra escluso il portiere. Questo per dare un po’ di pepe alla partita. Vincerà chi arriverà a cinque anche perché fedele al regolamento ufficiale, la partita non potrebbe continuare con meno di 7 giocatori.

Tiri da fuori ridisegna il calcio così: le conclusioni all’esterno dell’area di rigore valgono due punti, i gol all’interno uno. Un po’ come nel basket con i tiri da tre e da due.

Chi non volesse pensieri, invece, può cimentarsi nel Niente Regole dove è possibile fare di tutto senza preoccuparsi di espulsioni, punizioni e fuorigioco.

Inoltre si possono disputare partite “al meglio di” dove si tiene il conto dei risultati precedenti delle sfide.

Naturalmente si potrà giocare la Champions League in modo indipendente oltre che nella Carriera.

In quest’ultima modalità possiamo scegliere se fare l’allenatore e governare tutto il club e la squadra in campo. Abbiamo preso una simpatica squadra della serie A scozzese, il Livingston. Vi racconteremo tutto nella sessione del gampelay.

Mentre in singolo si può come sempre scegliere le proprie caratteristiche fisiche nonché il ruolo, portiere incluso naturalmente, nel tentativo di fare carriera e diventare una stella. Sono presenti quasi 40 campionati (non tutti su licenza, però). Torna la serie A Tim con le squadre ufficiali. La nostra cadetteria, però, si chiama Calcio B. Troviamo campionati esotici in tutto il mondo dai quali iniziare la nostra carriera sia da allenatore che da giocatore.

ULTIMATE FOOTBALL TEAM

Non poteva mancare l’Ultimate Football Team (FUT) che è ormai presente da 10 anni ed 11 edizioni. Una modalità familiare amata da milioni di utenti in tutto il mondo. Una modalità che fa sempre discutere ma che permette di realizzare il proprio dream team acquistando con moneta di gioco buste e carte singole che includono giocatori, potenziamenti ed accessori.

La novità più importante è la Division Rivals che prende il posto delle Stagioni. Una cosa simile a quanto visto in myClub di PES 2019.

Dopo alcune partite per determinare la posizione iniziale, il giocatore viene posto in una lega assieme ad altri utenti con abilità simili. Si può salire di settimana in settimana fino ai livelli più alti accumulando, chiaramente, premi da spendere per migliorare la propria squadra e qualificarsi nella Weekend League. Ad ogni modo ecco le novità per le qualificazioni agli eventi classificati di quest’anno nella Ea Sports Fifa 19 Global Series.

Quest’anno, la Weekend League continuerà ad essere un duro banco di prova da cui emergeranno i migliori giocatori ma senza la pressione dell’accesso diretto alla fase successiva.

Le fasi di qualificazione degli eventi seguiranno un nuovo sistema, che permetterà a tutti i migliori videogiocatori di provare, tentativo dopo tentativo, per conquistare un posto nelle ancora più numerose competizioni organizzate da EA e da terze parti in tutto il mondo.

Inoltre, non ci sarà più la qualificazione diretta, ma un sistema di ricompensa a punti che si baserà sulle performance dimostrate nel corso della stagione.

I videogiocatori potranno qualificarsi seguendo alcuni passaggi.

  1. Registrarsi su sito ufficiale (FUTCHAMPIONS.com) tra il 5 e il 31 ottobre prossimi.
  2. Ottenere almeno 27 Vittorie nella Weekend League per diventare FUT Champions Verified.
  3. I FUT Champions Verified potranno essere chiamati a partecipare tornei di qualificazione online, in sfide uno contro uno con gli altri giocatori per conquistare un posto in uno degli eventi live.
  4. Guadagnare EA SPORTS FIFA 19 Global Series Pro Points attraverso gli eventi live e la Weekend League per entrare nella classifica ufficiale.
  5. Posizionarsi nelle prime 60 posizioni della classifica ufficiale entro fine anno per accedere ai Playoff.

Troviamo anche le Squad Battles e c’è più libertà nelle Scelte Giocatori.

GAMEPLAY PUNTELLATO

Andiamo ad analizzare il punto focale di Fifa 19. Il gameplay? Come è cambiato dallo scorso anno? C’è stata una rivoluzione o solo un piccolo passo? La verità sta nel mezzo. Nessuna rivoluzione ma i ritocchi apportati sono decisivi e sicuramente di impatto.

Rispetto alla demo di cui abbiamo scritto qui le nostre Prime Impressioni c’è stato un grossissimo passo avanti sia in termini di fluidità che nell’intelligenza artificiale.

Il Timed Finishing (o Finalizzazione a Tempo) è una novità importante. Le conclusioni a rete saranno influenzate dalla tempistica con la quale si premerà due volte il pulsante del tiro. Dipenderà sia dalle caratteristiche del calciatore ma anche, come già detto, dalla tempistica. Si concretizzano più facilmente tiri da incorniciare che vanno ad alternarsi a finalizzazioni che definire opache sarebbe già un complimento.
Più volte abbiamo provato questa finalizzazione con diverse squadre. Pazzesche quelle con le solite big ma anche i campioni non sono esenti dalle figuracce con tiri scagliati in curva. Più realistiche, a nostro avviso, le ciabattate con i giocatori del Livingston e tantissime caramelle con squadre di categorie ancora inferiori o in campionati più scadenti. Ma il Livingston lo abbiamo nel cuore… se non altro per il suo attaccante Dolly Menga… generoso, fortissimo fisicamente e nelle sportellate, ma sotto-porta una sciagura peggio del buon Egidio Calloni.

Il tutto viene accentuato nelle conclusioni al volo. Per fortuna ci sono alcuni mini-giochi negli allenamenti pre-partita che ci insegnano a gestire la tempistica nelle conclusioni al volo ma è chiaro che in partita, soprattutto se marcati, le volée possono disegnare traiettorie tanto sublimi quanto allucinanti.

I contrasti sono più accentuati e la fisicità è ancora più alla base del gioco. Da questi, sempre più realistici (salvo alcuni cali dell’IA) dipende anche l’impatto con il pallone sia per i passaggi che per le conclusioni. Ma c’è più libertà nell’effettuare i dribbling o giocate ad effetto… a patto di avere atleti in grado di effettuare tecnicamente le giocate. Diversamente vedremo tentativi goffi e mal riusciti come è normale che sia. In questo c’è abbastanza coerenza anche se…

I colpi spettacolari non mancano e forse se ne abusa anche in fase difensiva con spazzate in rovesciata che alcune volte sono ok ma altre sembrano un po’ esagerate o quanto meno fuori luogo. Ad ogni modo, però, la fisicità e la fisica riprodotte in Fifa 19 sono cesellate molto bene e ci hanno lasciato favorevolmente impressionati anche rispetto alla demo che ci aveva un po’ fatto intravedere i “fasti” di Fifa 13 e più generalmente del passato senza il Frostbite.

Chiaramente la risposta dei giocatori cambia di squadra in squadra ma ad accentuare tutto anche la difficoltà ed i controlli. In semi-assistito ed in manuale si può pensare di fare qualunque giocata e chiaramente la varietà del gameplay aumenta in modo esponenziale anche se prima ci si dovrà abituare ai nuovi ritmi.

Generalmente l’intelligenza artificiale è di buon livello soprattutto quando si giocano partite a livelli di difficoltà alto. Pressing asfissiante, reti di passaggio, contrasti, conclusioni molto interessanti (qualche volta ci ha letteralmente fregato sfruttando i momenti di distrazione) per un gameplay oggettivamente ancora più rifinito rispetto a Fifa 18.

Ci hanno entusiasmato le nuove Tattiche Dinamiche, ossia quelle da applicare durante la partita. Quest’anno sono davvero più decisive e sono efficaci anche perché è possibile utilizzarle in contemporanea. Nel pressing, ad esempio, ci siamo accorti che l’aggressione agli avversari è più diretta nonché utile allo scopo perché si riesce a spezzare più facilmente la rete di passaggi ma è altrettanto più facile sbagliare passaggi elementari se sotto pressione. Ma anche altre fasi come il contropiede o le sovrapposizioni o i duelli uno contro uno sono più accentuate.

Più difficile, a meno di non trovarci di fronte ai classici squadroni, subire il tiki-taka ed applicarlo. C’è però da dire un’ultima cosa nel gameplay. Per intenderci, ci è piaciuto non poco ma riteniamo che il ritmo sia un filino veloce soprattutto se si utilizzano squadre da quattro stelle in più. Naturalmente è possibile rallentare a piacimento la velocità di gioco, gran cosa, ma riteniamo che il realismo più accentuato sia in partite con squadre da due a tre stelle e mezzo. Le più divertenti tra gli “scarpari” (termine arcaico per definire giocatore con i piedi di piombo e quindi non esattamente delicati) con team da mezza stella fino a due e mezzo anche se tra queste c’è già una differenza enorme.

Ah, si, ultimo, ma non ultimo, i portieri. Bravi, intelligenti, difficilmente fanno errori gravi ma nelle uscite alte sugli angoli rimangono un attimino timidi: difficilmente bloccano il pallone. Stesso discorso nei cross su azione.

Per il resto, chiudono degnamente la porta ed in diverse occasioni compiono interventi tanto belli quanto efficaci. Non mancano, ovviamente, le papere ma anche gli attaccanti sbagliano i gol a porta vuota… Infine una menzione sui voti. Ovvero sulle valutazioni a fine partita. Solo un dettaglio, è vero, ma anche se minimale questa volta accenniamo al fatto che, come in passato, le votazioni sono davvero incongruenti con voti spesso troppo alti o troppo bassi.

ATMOSFERA DA CHAMPIONS, TELECRONACA COSI’ COSI’

L’analisi tecnica di Fifa 19 parte dallo stesso principio del gameplay. Non si discosta troppo dallo scorso anno ma ne migliora i dettagli. Questo grazie alle nuove licenze, in primis Champions League che prepotentemente avete letto e sentito anche in questa nostra recensione.

Le partite hanno sempre più un taglio televisivo con tantissimi stadi ufficiali resi al meglio. Le presentazioni sono di livello eccelso e grazie alle tante licenze ed ai riferimenti di icone del passato, le finezze aumentano a dismisura. Le squadre ed i giocatori famosi sono impressionanti. Il Frostbite funziona sempre alla grande in Fifa 19. Tuttavia, la qualità scende quando ci troviamo di fronte a squadre meno blasonate. I loro modelli “generali” solo normali.

Quest’anno non solo la Premier League sarà spettacolare ma anche la Liga spagnola offre davvero tanto grazie alla nuova licenza ufficiale che ha aggiunto anche tanti stadi (sedici per l’esattezza) ed i volti di altre star del calcio europeo oltre ai soliti Barcellona, Real Madrid ed Atletico.

Insomma, tra alti davvero impressionanti, e bassi (quasi ai limiti dell’anonimato), Fifa 19 è comunque in generale un bel vedere perché comunque, almeno su Pc, non abbiamo avuto mai problemi di fluidità o di rallentamenti.

Fifa 19 presenta tantissimi stadi diversi nonché condizioni ambientali, come da tradizione. Davvero belli da vedere e le varie inquadrature hanno comunque un taglio cinematografico di buon livello.

Dal punto di vista sonoro, vogliamo partire con quello che pensiamo sia la vera colonna sonora del gioco, ossia i cori da stadio, le razioni del pubblico alle varie giocate, agli effetti ambientali e sul campo.

Nulla da dire sui brani scelti per la colonna sonora. Sono tante hit che come da tradizione accompagnano la serie di EA Sports.

Altalenante la telecronaca. Confermati Pierluigi Pardo e Stefano Nava. Generalmente troviamo un commento ampio ed adattato alle competizioni. Le presentazioni dei due sono buone ma in partita la cosa cambia. Diverse volte le frasi vengono detta a casaccio e poi ci sono alcuni interventi praticamente inutili da bordocampo. Spesso Pardo chiama in causa Barzaghi per chiedere quanto manchi alla fine della partita, un po’ come se non avessimo riferimento cronometrico. Un po’ fuori dal tempo e, ripetiamo, perfettamente superfluo. Inoltre il commento di Nava ad alcune giocate non ci è sembrato del tutto naturale con una lettura a volte troppo caricaturale.

Ultima menzione ai menu di gioco, ridisegnati e comunque quasi mai confusionari. Bene così.

COMMENTO FINALE

EA Sports con Fifa 19 continua il suo viaggio in tutto i sensi. L’attesa licenza della Champions League è sfruttata al meglio per offrire più contenuti in varie modalità. Le novità non sono tantissime ma contribuiscono a migliorare e cesellare il proprio gioco calcistico nel tentativo di renderlo sempre più realistico.

In questo tentativo, il gameplay ha subito alcune varianti interessanti, la finalizzazione a tempo riesce ad essere tutto sommato una dinamica interessante e non troppo invasiva, mentre le tattiche applicate funzionano davvero bene svolgendo (finalmente) il loro compito in modo intelligente e coerente. Non mancano alcune incongruenze: ritmo troppo veloce (che si può comunque abbassare) e giocate a dir poco incredibili se si utilizzano gli squadroni. Riteniamo, come già scritto, che con squadre di medio calibro ci si diverta di più e che quanto visto in campo sia più congruo.

Ottimo il Viaggio che con tre storie ci fa vivere un’esperienza longeva, divertente ed appassionante con tante chicche e molte sfumature. Imprescindibili le modalità Carriera (Allenatore o Calciatore) e la Ultimate Football Team che varia quel tanto che basta per essere più a tono con le modalità esportive competitive.

Ci piace la presenza del calcio femminile. Ci piace molto ma avremmo voluto più nazionali e magari qualche campionato, magari la Major League americana e la Bundesliga tedesca per iniziare con le competizioni di club. Vedremo se in Fifa 20 avremo questo piacere.

Le altre novità sono piccoline ma possono divertire: possiamo giocare una finale di un torneo in qualsiasi momento, possiamo giocare partite senza regole o con regole modificate con i tiri da lontano che valgono due punti o ancora giocare la modalità Sopravvivenza. Pochi puntelli ma nei punti giusti. Almeno la maggior parte di loro lo sono.

Tecnicamente non si discosta troppo dal passato. Ci sono ritocchi che migliorano ulteriormente la qualità generale anche se ci sono alti e bassi nei modelli dei calciatori. Quelli famosi, ripetiamo, sono davvero impressionanti. I generici fanno fede al loro nome… non sono un granché e basta anche selezionare squadre medie della A per aver questa sensazione.

Insomma, la politica dei piccoli passi va bene e Fifa 19 è quel che fa al caso vostro anche se la distanza con PES 2019 è ridotta più per merito degli sviluppatori della serie Konami… ma questa è un’altra storia.

Pregi

Novità interessanti (e divertenti). Licenza Champions League (non influisce sul voto). Gameplay cesellato e migliorato. Il Viaggio è sempre più fondamentale. FUT sempre ipnotico. Calcio femminile sugli scudi…

Difetti

… ma non potenziato come vorremmo. Modelli dei giocatori normali piuttosto anonimi. Un filino troppo veloce. Piccole incongruenze nel gameplay soprattutto con le squadre a 5 stelle.

Voto

9+

Tags

1 commento su “Fifa 19, Recensione Pc”

Commenta questo articolo