Articoli

Destiny, la Beta è stata giocata da oltre 4,6 milioni di giocatori

40 Visualizzazioni

Destiny 3007

Dopo i ringraziamenti di Bungie al grande pubblico per aver giocato alla Beta di Destiny arrivano anche i primi numeri. Sono stati oltre 4,6 milioni gli utenti che hanno partecipato ai test sul mmofps fantascientifico in uscita il prossimo 9 settembre su PlayStation 4, PlayStation 3, Xbox One ed Xbox 360.

Lo ha comunicato Activision con una nota stampa. La Beta di Destiny includeva un assaggio delle principali attività presenti nel gioco completo. I test sono iniziatati prima su PlayStation 4 e PlayStation 3 il 17 luglio scorso e si è chiusa domenica notte, registrando per l’esattezza la presenza di 4,638,937 di giocatori unici.

Numeri che confermano come la Beta dell’ambizioso titolo sia stato un evento videoludico importante e come gli sviluppatori ed il publisher abbiano dato risalto ai test confermando che per loro questa fase è equivalsa ad un vero e proprio lancio.
Parole dette in tempi non sospetti (ottobre dello scorso anno) ma che hanno avuto effettivo riscontro.

“Questa è stata di gran lunga la più grande beta per questa generazione e la più grande Beta per console mai fatta per una nuova IP di videogiochi – spiega Eric Hirshberg, CEO di Activision Publishing – organizzare una Beta di queste dimensioni è un risultato incredibile e siano entusiasti di vedere che ci sia stata una così fenomenale risposta. Ma questo è solo un assaggio di ciò che arriverà. Stiamo contando i giorni che ci separano dal lancio, il 9 settembre”

Da Bungie non si aspettavano un simile risultato:

“Siamo stati letteralmente impressionati dal numero di persone che hanno giocato alla Beta – dichiara Pete Parsons, COO di Bungie – abbiamo superato persino i nostri stessi obiettivi e il feedback è stato incredibile. Non potremo mai ringraziare abbastanza la nostra community, la risposta è stata davvero sorprendente e nelle prossima settimane lavoreremo sodo per assicurarci che Destiny al lancio sia all’altezza delle aspettative”.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento