In primo pianoRecensioniPS5Xbox Series X|SPC

White Shadows, recensione Pc

L’opera prima dello studio Monokel sposa Inside con le opere di George Orwell, in un viaggio tra luci e ombre

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




White Shadows è il punto di arrivo di un percorso iniziato tempo fa. Negli anni molti giochi hanno rappresentato un punto di svolta per il mercato indipendente. Tra i più grandi nomi c’è quello di Hotline Miami, un titolo il cui impatto riverbera ancora oggi attraverso tutto il settore e non solo. Proprio grazie alla sua estetica e al suo stile. Alcuni mesi più tardi è stata la volta di Limbo, primo titolo dello studio Playdead che in seguito ha cementato il proprio posto nel pantheon con l’altrettanto acclamato Inside. Da un successo di tali proporzioni è difficile non aspettarsi una risposta da altri sviluppatori, pronti a mettersi in gioco dopo aver imparato da queste pietre miliari.

In questo caso parliamo infatti dell’opera prima dello studio indipendente tedesco Monokel. Fin da primi istanti è subito chiaro quali siano le fondamenta sulle quali si poggia il gioco. Contraddistinto da uno stile monocromatico che ricorda da vicino il già citato Limbo, e da una citazione tratta da La Fattoria degli Animali di George Orwell: “All animals are equal”. Insomma, coloro che hanno dimestichezza anche solo con una delle opere finora menzionate possono già intuire dove potrebbe condurre questo viaggio.

Di seguito la recensione della versione Pc di White Shadows, curata dal nostro Stefano Toscano. Vi ricordiamo che il titolo, distribuito da Thunderful Publishing, è inoltre disponibile su PS5 e Xbox Series X/S. Buona lettura.

DER TOD IST ÜBER DER STADT

Viaggio è la parola più adeguata a descrivere l’esperienza vissuta con White Shadows. Si parte dai bassifondi di una misteriosa città, nei panni di una ragazza dalla testa di corvo appena emersa da un enorme telefono abbandonato sul fondo di un vertiginoso complesso di torri metalliche. E’ qui che si muovono i primi passi, in assenza di un qualsiasi tutorial.

Per quanto oltre al movimento, al salto e all’interazione con alcuni elementi di gioco non è che ci sia molto altro da imparare. Comincia così la scalata verso una città inondata di luci abbaglianti, tanto quanto i luminosissimi occhi della protagonista. Ben presto è chiaro che l’accesso alla città ci è proibito, in quanto uccelli e dunque portatori di una non specificata piaga.

White Shadows

Durante i primi minuti di gioco dominano allo stesso tempo curiosità e timore nei confronti di ciò che attende il giocatore. Ciò è frutto di un sapiente lavoro sulle atmosfera del titolo. Cupe e fredde, sia perchè ricavate da lucido acciaio sia perchè immerse in un assordante silenzio, interrotto giusto da scricchiolii sinistri. Voler capire cosa sta succedendo, come si è arrivati a questo mondo sospeso tra 1984 e La Fattoria degli Animali, quale è l’obiettivo della protagonista…

Tutti elementi fortissimi che spingeranno a compiere una timorosa corsa verso l’ignoto. White Shadows riesce a mantenere sempre vivo l’interesse e a concludere il tutto con un enigmatico ma assai suggestivo finale. Peccato per un terzo atto forse un po’ troppo debole, che abbandona la narrazione ambientale per proporre un racconto per certi versi più tradizionale. Pare quasi che gli sviluppatori non fossero convinti delle proprie capacità o non avessero fiducia nell’interpretazione dei giocatori.

BEN PIÙ DI UN’EMULAZIONE

White Shadows

L’intenzione del gioco è, in primis, quella di raccontare una storia. L’aspetto ludico non è trascurato e non mancano sezioni nelle quali evitare ostacoli, saltare tra piattaforme, nascondersi dalle luci delle guardie e risolvere semplici enigmi. Anche in caso di fallimento il sistema di punti di controllo è molto più che benevolo e spesso riporta il nostro personaggio a pochi passi prima della sua dipartita. Pur essendoci sezioni più impegnative, White Shadows non intende punire i meno capaci per un salto mal calibrato o una piccola disattenzione. Come già detto, un primo sguardo sembra confermare la parentela, quantomeno visiva, con Limbo.

White Shadows

Il titolo punta molto sul contrasto tra luce e oscurità anche per via dei temi proposti dalla storia che il titolo desidera raccontare. Lo studio Monokel non ha voluto semplicemente emulare la formula di Playdead, ma ha voluto infondere la propria creatura con la linfa delle sue radici tedesche. I richiami al cinema espressionista teutonico si sprecano, con architetture, inquadrature e scelte stilistiche derivate da classici come il Metropolis di Fritz Lang. Inoltre, quando l’avanzata della protagonista non è apostrofata dai rumori ambientali, la colonna sonora propone una selezione di celebri pezzi di musica classica. Il comparto audio passa così da un lugubre minimalismo a un tono grandioso e talvolta grottesco per via delle situazioni descritte.

LUCI E OMBRE

White Shadows

White Shadows è un titolo che forse non dirà molto a chi si fermerà soltanto a guardare alcune immagini prese da un qualsiasi momento del gioco. Il vero prodigio avviene una volta che ci si muove. Merito questo di una regia davvero ispirata e pronta a proporre sempre inquadrature che parlano agli occhi del giocatore, con alcuni cambi di prospettiva di grande effetto all’interno di questo piccolo, grande diorama.

Purtroppo, non tutte le transizioni sono gestite al meglio. Talvolta sono inspiegabilmente interrotte da scene fuori contesto, in alcuni casi sono azzoppate dalla realizzazione tecnica del titolo, non priva di sbavature. A dettaglio massimo, White Shadows si presenta a sessanta frame al secondo per gran parte del tempo, ma soffre di severo stuttering durante alcuni passaggi tra scene.

White Shadows

In alcune occasioni è evidente un certo pop-out di elementi tanto dello sfondo quanto nei primi piani delle inquadrature. Tutto sommato si tratta di eventi non così frequenti, esaltati più che altro dalla risicata longevità del titolo. Infatti, il gioco può durare attorno alle tre ore, minuto più, minuto meno. Per alcuni potrebbe sembrare troppo poco.

D’altro canto si sarebbe certamente potuto fare qualche sforzo in più per permettere alla storia di respirare un po’ di più. Ma anche così come si è presentata, l’esperienza può garantire tre ore ben bilanciate e soddisfacenti. È anche da segnalare l’assenza della lingua italiana e, anche se il gioco non presenta troppe linee di testo, questo fattore potrebbe allontanare chi meno conosce la lingua inglese.

White Shadows

CONSIGLIATO AGLI APPASSIONATI

È difficile guardare White Shadows e non pensare ad alcuni piccoli colossi del mercato indipendente. Ma la forza dell’opera prima dello studio Monokel è quella di riproporre una formula già vista sotto un’altra luce. Letteralmente. Benché la trama inciampi a pochi passi dal traguardo, il mondo orwelliano raccontato con un sapiente linguaggio cinematografico è tanto affascinante quanto terrificante. I giocatori in astinenza dai titoli targati Playdead troveranno non solo una buona alternativa, ma anche un gioco capace di dire la sua nonostante le numerose e palesi ispirazioni. Arrivati ai titoli di coda, è difficile non immaginarsi un florido futuro per i capaci sviluppatori tedeschi.

Pregi

Artisticamente ottimo, con una capace regia, interessanti scelte artistiche e un sonoro particolare. Trama che mescola bene influenze letterarie e cinematografiche. Le sezioni prettamente ludiche presentano qualche sorpresa.

Difetti

Nei capitoli finali la narrazione perde un po’ il suo fascino. Qualche sbavatura tecnica. Durata risicata.

Voto

7,5

Tags

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




Commenta questo articolo