ArticoliIn primo pianoVideoMulti

The Medium, ecco il nuovo dev diary

Bloober Team continua a riunire talenti da inserire nella produzione; tra gli ultimi arrivati figurano Troy Baker, Mary Elizabeth McGlynn e Akira Yamaoka

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




Si espande ancora il team di sviluppatori e artisti dietro allo sviluppo di The Medium, l’horror dualistico annunciato lo scorso maggio che arriverà su Pc e Xbox Series X entro la fine dell’anno. Gli sviluppatori di Bloober Team hanno condiviso il primo di una serie di episodi che esploreranno i dietro alle quinti dello sviluppo del titolo.

Questo primo episodio offrirà uno scorcio più dettagliato di svariati aspetti chiave del gioco. Per esempio il suo tema principale, e di come la prospettiva è in grado di alterare la propria percezione. In aggiunta, gli sviluppatori discuteranno di cosa significa giocare nei panni di una medium. Nello specifico nel personaggio principale del titolo, Marianne, che potrà vivere sia nel mondo reale che in quello degli spiriti (con cui potrà interagire). Nel dev diary si parlerà anche di cosa sia di preciso il mondo degli spiriti e di quali siano stati gli spunti che hanno ispirato Bloober Team nella creazione di The Medium.

Di seguito il primo episodi della serie “behind the scenes”. Buona visione.

LE NUOVE COLLABORAZIONI

Bloober Team, il gruppo che ha dato vita a Blair Witch, Observer e Layers of Fear, ha svelato la collaborazione con il doppiatore Troy Baker e la cantante Mary Elizabeth McGlynn. Questi ultimi saranno affiancati dal leggendario compositore che ha contribuito a Silent Hill Akira Yamaoka. Tutti insieme si uniranno agli sviluppatori nel lavoro su The Medium.

Troy Baker presterà la propria voce per la Fauce, la maggiore entità del mondo degli spiriti nonché antagonista in The Medium. Mary Elizabeth McGlynn, che già in passato ha lavorato con il leggendario compositore Akira Yamaoka alla serie di Silent Hill, impreziosirà la colonna sonora originale con la sua voce. Questi tre artisti uniranno i propri talenti unici e la grande passione nata dalla loro precedente collaborazione in quello che, ad oggi, è il più vasto e ambizioso progetto mai realizzato da Bloober Team.

I PRE-ORDINI

Ricordiamo che sul sito ufficiale sono aperti i pre-ordini per The Medium, sia su Pc che su Xbox Series X. Gli utenti che effettueranno il pre-ordine per Pc, via Steam, otterranno la colonna sonora “dualistica” originale, composta da Akira Yamaoka. Artista noto per Silent Hill, e Arkadiusz Reikowski, di Bloober Team. In aggiunta ci sarà anche l’artbook digitale. Il prezzo del tutto è fissato a 49,99 euro.

IL GIOCO

The Medium è un gioco horror psicologico costruito attorno a un tema centrale: come la prospettiva cambia la propria percezione. I giocatori impersoneranno Marianne, una medium perseguitato da visioni, che vive e interagisce con due mondi distinti: il mondo reale e quello spirituale. Niente è come sembra, tutto ha anche un altro significato. Come mezzo di accesso ad entrambi i mondi, i giocatori avrà una prospettiva più ampia e potrà vedere più chiaramente che non esiste una verità semplice per ciò che gli altri percepiscono.

The Medium

 

Tags

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




Commenta questo articolo