ArticoliIn primo pianoPS4

Classi Striker e Tamer ora disponibili su Black Desert

Le nuovi classi arricchiscono il roster del titolo di Pearl Abyss

Black Desert su PlayStation 4, si arricchisce con un nuovo contenuto gratuito che aggiunge le classi di Striker e Tamer. Il primo è perfetto per chi predilige il combattimento in mischia, mentre la seconda, invece, è esperta in potenti attacchi AoE che infligge grazie all’aiuto del suo compagno. L’aggiornamento aggiunge anche un nuovo world boss, Karanda, conosciuta anche come the Queen of the Harpies, e un miglioramento alle abilità degli avventurieri esperti.

Ecco alcuni dettagli sulle nuove classi del mmorpg firmato da Pearl Abyss. Buona lettura.

I PERSONAGGI NEL DETTAGLIO

  • Striker: Addestrato da un maestro di arti marziali, lo Striker è diventato un esperto del combattimento ravvicinato grazie a innumerevoli anni di estenuante addestramento. Lo Striker è molto abile nel sferrare attacchi corpo a corpo utilizzando pugni e calci devastanti in modo da sopraffare i suoi avversari.
  • Tamer: Proveniente dall’isola Haemo, pullulante di bestie, la Tamer e il suo fidato compagno bestia, Heilang, combattono fianco a fianco per sconfiggere i loro nemici. Insieme i due infliggono una serie di potenti attacchi AoE agli avversari mentre mantengono mobilità e mentre schivano i loro contrattacchi.

World Boss

  • Karanda: Leader delle feroci arpie, Karanda protegge la sua specie da invasori stranieri utilizzando una velocità senza paragoni e un’incredibile forza. Con l’aiuto delle sue arpie, Karanda progetta di invadere il Delphe Knights Castle. Gli avventurieri sufficientemente coraggiosi per affrontare questo avversario formidabile, potranno trovare the Queen of the Harpies al Karanda Ridge.

Nuova abilità

  • Abilità Rabam: Dopo aver raggiunto il livello 56, gli avventurieri possono usare le nuove caratteristiche di gameplay per unire due abilità insieme e creare un’unica potente abilità.
Tags

2 commenti su “Classi Striker e Tamer ora disponibili su Black Desert”

Commenta questo articolo