ArticoliIn primo pianoVideoPC

Command Modern Operations, rivelato nuovo titolo

Dopo Command MANO, si prepara ad arrivare un altro avvincente wargame strategico

Matrix Games e Slitherine Games hanno annunciato lo sviluppo di Command Modern Operations, un nuovo wargame di strategia che si preannuncia ancor più ricco di funzioni e contenuti rispetto al noto predecessore.

Command MANO aveva gettato le basi del moderno wargaming su Pc, che nel frattempo si è fatto strada nel Pentagono, nella Luftwaffe e nel British Science Science and Technology Laboratory, arrivando a ottenere numerosi premi “Wargame Of The Year”. Ora, i mascalzoni irrequieti di WarfareSims sono pronti a tornare, assetati di vendetta. La serie di Command si prepara a tornare con una nuovissima interfaccia utente, meccaniche di simulazione ancora più raffinate e una serie di nuove funzionalità e contenuti per immergere il giocatore nelle sfide degli sconti post-Seconda Guerra Mondiale, nel XXI secolo.

Qui il trailer che ha rivelato lo sviluppo di Command Modern Operations. Buona visione.

CARATTERISTICHE CHIAVE

  • Il premiato titolo di interdominio si prepara a tornare più ricco di prima. Nessun uomo, e nessun servizio armato, è un’isola. Aerei, navi, sottomarini, forze di terra e installazioni, satelliti e persino armi strategiche sono a disposizione del giocatore, al quale vengono date in gestione forze militari con i relativi hardware; ma dovrà dirigerli saggiamente.
  • Un mondo a portata di mano. Dozzine di migliaia di giocatori di Command MANO avevano chiesto un’interfaccia terra-globo più veloce e fluida con mappe ancor più ricche di dettagli. Essi saranno accontentati, con più di mezzo terabyte di immagini satellitari ed elevazione del terreno, che si combineranno per offrire un campo di battaglia senza precedenti.
  • Un’interfaccia utente rinnovata. La nuova e intuitiva interfaccia utente a tema scuro colpirà il giocatore direttamente nella sede di un moderno centro di comando militare, senza mai lasciarlo mai andare. Sarà possibile giocare sia in finestra che in modalità schermo intero, con totale libertà circa la disposizione di finestre informative secondarie, che potranno essere poste persino su eventuali monitor aggiuntivi. Il giocatore potrà personalizzare la mappa e le finestre informative in base al proprio stile di gioco.
  • Novità su base dei feedback ricevuti dagli utenti. Centinaia di modifiche e aggiunte al gameplay sono state basate direttamente sul feedback degli utenti, allo scopo di venire incontro alle loro preferenze. Minimappa, caricamento rapido di scenari e salvataggi recenti, ORBAT dinamici in tempo reale di forze amiche e contatti noti e altro ancora.
  • Ancora più reale, ancora più spietato. L’ampliamento delle operazioni a terra consentiranno al giocatore di sfruttare diversi tipi di terreno (deserto, foresta, urbano, paludi, ecc.), ognuno con diversità in termini di mobilità, effetti delle armi e visibilità. Routine AI migliorate per i combattimenti in cielo e un maggior numero di fattori tecnici di cui tener conto renderanno più tenue la presa sulla superiorità aerea. Le caratteristiche rivoluzionarie della campagna “Chains Of War” saranno ora un punto di riferimento: sarà possibile interrompere le comunicazioni del nemico per isolare le sue unità (facendo attenzione alle proprie), eseguire operazioni anfibie, airdrop o pickup senza script, e altro ancora.
  • Le persone contano, ora anche di più. Anche agli albori dei sistemi senza pilota, il combattimento non era un confronto hardware secco. Le macchine da guerra del giocatore saranno pilotate o controllate a distanza da esseri umani: persone addestrate con competenze diverse (dal principiante all’asso), che opereranno sotto una dottrina personalizzata e regole di ingaggio (quando fare cosa, come decidere, come reagire ecc.) distinte. Queste persone conteranno spesso molto più dell’hardware.
  • Guerra su tutto il globo terrestre. La Corea. Guerre coloniali. Vietnam. Medio Oriente. Cuba. Falkland. Iran-Iraq. Terza Guerra Mondiale. Desert Storm. India e Pakistan. Il circolo polare artico. Conflitti passati e futuri nel Pacifico, nel Mare di Norvegia, nella periferia russa e cinese e altro ancora. I giocatori potranno sperimentare molti conflitti, dal dopoguerra fino al 2020 e oltre, in più di 600 scenari ufficiali e comunitari. Sarà possibile mettere alla prova il proprio coraggio contro letali batterie missilistiche terrestri, reggimenti aerei, flotte navali o gruppi di pirati, affrontando le minacce del passato, del presente e del futuro.
  • Possibilità di scendere subito in campo, creando la propria guerra. Il nuovo Quick Battle Generator consentirà al giocatore di entrare rapidamente in azione senza preoccuparsi delle ampie complessità strategiche o politiche. In alternativa sarà possibile usare il potente editor per scenari, allo scopo di mettere insieme lo scontro dei propri sogni nella maniera maggiormente gradita. Le potenziate capacità di scripting attraverso il motore Lua integrato consentiranno di creare persino le proprie AI militari.
  • Ritorno dei classici, ma anche molte novità. Tutti gli scenari ufficiali di Command MANO originali sono stati rimasterizzati da zero dal designer di scenari professionale Rory Noonan (autore del set di scenari Silent Service), e nuovissimi scenari ufficiali e di community sono stati aggiunti. I database aggiornati della Guerra Fredda e dei giorni nostri, con le ultime novità in termini di hardware e sistemi, consentiranno al giocatore di non finire mai le configurazioni da provare.
Tags

Commenta questo articolo