RecensioniMulti

MXGP Pro, Recensione Pc

Derapa e salta, corri e sporca nel gioco ufficiale della stagione moto-cross

MXGP Pro è una fatica, l’ultima, di Milestone, che si presenta per essere un’esperienza professionistica ma che non resiste alla tentazione di restare alla portata di chi guida solo tramite joypad. Arrivato su Steam, PS4 e Xbox One il 29 giugno scorso, segue MXGP 3 recensito in queste pagine poco più di un anno fa.

Se c’è uno sviluppatore italiano, di cui possiamo andar fieri perché esporta la passione per i motori a 360° (sia a quattro ruote che a due ruote) è proprio Milestone, che da 22 anni – ormai – ci abitua a produzioni dall’alto tasso di qualità visiva e un’apprezzabile componente arcade che vuole strizzare l’occhio al realismo ma preferisce farsi giocare da chi, una patente di guida e competenze professionali, non le ha.

FANGO, COMPOUND, CARRIERA

Alimentato dall’Unreal Engine di ultima generazione, MXGP Pro si presenta subito con il motore su di giri e ci getta nella mischia con un rapidissimo tutorial e una gara all’ultima derapata. Dopo averci traumatizzato così tanto in pochi minuti, eccoci a riprendere fiato e a fare i conti con l’offerta realizzata per noi. Al di là delle classiche modalità di gioco: gara, carriera, corsa al tempo e multiplayer, quello che ha subito attratto l’attenzione e drenato tempo libero è stato il Compound.

Si tratta di una vasta mappa liberamente esplorabile e caratterizzata da un paio di tracciati in terra battuta, che possiamo visitare a bordo della nostra due-ruote e setacciare incuranti delle barriere ai lati della carreggiata.

Pur essendo una sola mappa e grezza nel modo di presentare il tutto, da un’idea di quello che potrebbe essere un interessantissimo “hub” dei prossimi videogiochi, tanto elegante quanto funzionale. Per ora dobbiamo accontentarci di un bel posto dove far pratica senza le pressioni di una gara o di una carriera.

Quest’ultima sembra delinearsi come la modalità di punta di MXGP Pro, perché vuole (riuscendoci) metterci nei panni di un novello professionista di moto-cross, che ha tutta l’intenzione di raggiungere la vetta delle classifiche mondiali, lasciando dietro di sé fior fiori di piloti realmente esistenti (il gioco è quello ufficiale della disciplina di moto-cross tra le più seguite al mondo).

QUASI TUTTO AL POSTO GIUSTO

MXGP Pro come ogni medaglia, ha due facce. Da un lato, l’Unreal Engine di ultima generazione, offre uno scorcio davvero impressionante e tanti piccoli tocchi di classe tra animazioni ricercate, effetto fango, deformazione del manto fangoso al passaggio delle moto, effetto blur per la velocità e vento che frusta la tuta quando si raggiungono le velocità più alte. D’altro lato è stato un peccato enorme vedere che le collisioni tra piloti non sono così gravi o penalizzanti, quelli si limitano a rimbalzare tra loro.

Capita, inoltre, di dosare male una staccata o un salto, di finire un metro un po’ più di là della strada tracciata e il gioco ci fa apparire, magicamente, in mezzo alla pista. Sarebbe stato più difficile ma immensamente più gradevole che il sistema oper-world del compound, che non interrompe il flusso di gara. Comprendiamo le ragioni di questa scelta pur, tuttavia, non condividendola fino in fondo.

Infine, ci auguriamo che il titolo sia ottimizzato meglio, dal momento che qualche piccola sbavatura grafica è sfuggita al controllo di qualità, rendendo MXGP Pro più un gioco da spettacolari istantanee che da mostrare in diretta. Nulla, comunque, che pregiudichi il più alto punto di qualità di questa serie, che possiamo ormai definire fiore all’occhiello di Milestone.

CARATTERISTICHE E CONTENUTI

* Tutti i circuiti ufficiali, le moto e i piloti della stagione MXGP 2017.

* Un nuovo sistema di Bike Set-Up, ridefinito in base a quello che gli sviluppatori di Milestone chiamano l’approccio meccanico, che consente ai giocatori di impostare ogni singolo parametro della loro moto sulla base di valori e parametri reali.

* Un approccio realistico alla fisica, movimenti spettacolari e un sistema rielaborato di prese, collisioni e comportamenti in aria.

* Movimenti più realistici dei piloti integrati con la moto e influenzati dall’impatto su diversi tracciati.

*Un Compound di 1 km², un’area di allenamento dove i giocatori possono liberamente vagare o gareggiare contro l’AI e allenarsi su due piste diverse, una per il Supercross e una per il Motocross.

* Tutorial innovativi, una modalità di gioco dedicata a coloro che desiderano migliorare le capacità personalizzate del pilota, focalizzate sugli aspetti principali della disciplina Motocross: air control, scrubs, cornering, riding in the wet, starting e braking.

COMMENTO FINALE

MXGP Pro riparte dal suo predecessore, MXGP 3 e ne eredita quasi ogni aspetto senza preoccuparsi di somigliare troppo al “padre”. E’ un videogioco di moto-cross che ci porta a vivere i fasti e i nefasti di una carriera di pilota nel circo che conta. Che sia in prima persona o in terza, quel che è certo è che il gioco è mosso dall’ultima versione di Unreal Engine ed è un bel vedere, peccato per qualche sbavatura qui e lì.

Joypad (meglio) o tastiera alla mano, l’ultima fatica di Milestone si difende piuttosto bene pur disattendendo quel “Pro” che si legge sul titolo, optando per un approccio decisamente più arcade alla faccenda delle forze G, dei pesi sulla moto e sull’incidenza dei freni. Portando le opzioni al massimo del realismo, tuttavia, sarà comunque un’autentica sfida, quella di domare le due ruote per raggiungere la vetta della classifica.

Modalità carriera, corsa al tempo, gare veloci e immancabile multiplayer chiudono il cerchio dell’offerta che ha pochi, ma critici, difetti che possono essere tollerati da chi è un veterano della serie.

Il primo difetto riguarda le collisioni tra i piloti, decisamente poco realistiche e molto generose (anche le più dure non fanno cadere a terra, come la realtà suggerirebbe); altro difetto, specialmente durante le gare, è il reset di moto e pilota qualora si allontanassero di un metro più in là del seminato previsto dagli sviluppatori. Da un lato comprendiamo la scelta ma dall’altro il ritmo ne soffre molto: sempre interrotto. Ultimo aspetto che non ci ha particolarmente convinto sta nella mancata ottimizzazione: non tanto per le configurazioni più datate, che soffrono il bel motore grafico, quanto per i pop-up grafici e di illuminazione che rompono la magia di un paesaggio, altrimenti, eccezionale.

MXGP Pro è un signor videogioco di moto-cross, probabilmente il migliore a disposizione per gli appassionati. Questi non saranno delusi, tutti gli altri, probabilmente, si.

 

Pregi

Visivamente, il più delle volte, convincente. Il sistema di controllo punta all’immediatezza e alla facilità d’uso. Carriera lunga e appassionante. Molta varietà. Buona sensazione di velocità e sporcizia da moto-cross.

Difetti

Rivolto più agli irriducibili appassionati che ai neofiti. Non adatto a configurazioni hardware più datate. Qualche difetto grafico che stona, di tanto in tanto. Collisioni tra piloti “generose”. Open-world solo in parte.

Voto

7,5

Tags

1 commento su “MXGP Pro, Recensione Pc”

Commenta questo articolo