RecensioniMulti

Destiny 2, Recensione Pc

Numeri alla mano Destiny 2 si è rivelato un grosso successo di critica e di pubblico per Bungie. Il titolo si è infatti distinto per un’ottima giocabilità, una serie di contenuti interessanti e ambientazioni affascinanti, trovando di conseguenza il gradimento di critica (qui la nostra recensione PS4) e di pubblico. Ora, a distanza di poco più di un mese, il gioco arriva anche su Pc, in una edizione che, vi anticipiamo già, è superiore alla controparte console, e che vi raccontiamo nel dettaglio. Un vero e proprio esordio con i fiocchi per la serie fps che approda per la prima volta su computer Windows.

Destiny 2 ha anche un altro record: è il primo titolo non Blizzard che si gioca attraverso la piattaforma Battle.net conosciuta per essere la casa di Diablo, WoW, Overwatch, Starcraft II, Heroes of the Storm ed Hearthstone.

LA DIFFERENZA C’E’…

Il primo elemento caratteristico di questa conversione è il suo collegamento esclusivo a Battle.net, la piattaforma digitale di Blizzard. Grazie a essa il titolo implementa una chat testuale che può essere attivata premendo il tasto Invio per poter parlare con i membri della squadra e del clan. Ma le funzioni disponibili sono davvero tante, tutte da scoprire, a partire dal menu che durante la partita consente all’utente di vedere chi è online, invitarli al volo oppure vedere a cosa stanno giocando, e così via. Il tutto è ben implementato con la grafica e i menu del gioco, e dà davvero un maggiore controllo al videogiocatore su diversi aspetti importanti dell’online. Altro aspetto inedito presente in Destiny 2 Pc rispetto alla controparte su console è la possibilità che viene data al giocatore di poter configurare a piacimento i controlli, e questo indipendentemente per mouse e tastiera o joypad. Una manna per chi ama personalizzare anche questo aspetto in un videogioco, e vuole potersi scegliere i tasti a cui adibire le varie funzioni in partita.

A proposito, passando a parlare di gameplay, il titolo di Bungie è ovviamente simile all’originale su console. Certo, la possibilità di avere un frame rate sbloccato va a tutto vantaggio della fluidità dell’azione, ragion per cui il gameplay risulta migliore su computer rispetto alla controparte per Xbox One o PlayStation 4.
Per il resto, invece, non cambia praticamente nulla. Rispetto al primo capitolo che aveva deluso in tal senso, Destiny 2 presenta infatti come su console una bella storia ben articolata all’interno di una campagna single player più lineare, ma accompagnata da personaggi ben definiti, colpi di scena e filmati cinematici che aiutano a immergersi meglio nella storia per un totale circa di dieci-tredici ore. Il gioco racconta di un Guardiano, il quale a seguito della disfatta della Legione Rossa a opera delle armate dei Cabal, si ritrova suo malgrado sulla Terra da dove, stremato, dovrà iniziare la sua lotta per sopravvivere ma anche per difendere ciò che resta del suo mondo. Da lì inizia una lunga avventura ricca di situazioni, missioni secondarie e chi più ne ha, più ne metta.

Destiny 2 B

Il protagonista per chi ha giocato il predecessore viene automaticamente importato dal primo capitolo, altrimenti si deve creare da zero scegliendo l’aspetto e la classe fra le tre disponibili, ognuna delle quali dotata di un set di abilità di movimento e di una sua personale skill: per lo Stregone c’è Rift, il Cacciatore ha la Schivata e Titano una Barriera. A seconda poi della classe scelta il personaggio dispone inoltre di tre sottoclassi (per un totale di nove) legate al fuoco, all’elettricità e al vuoto. Ciascuna di loro attribuisce al Guardiano granate con effetti particolari, una specifica Super e due rami di abilità differenti. Queste ultime, come del resto le altre abilità principali possono essere potenziate o sbloccate grazie ad appositi punti che si guadagnano salendo di livello combattendo. Proprio le battaglie e dunque la giocabilità è un altro dei punti di forza di Destiny 2.

Il sistema sparatutto funziona perfettamente e in generale la giocabilità resta accessibile a tutti. Basta un po’ di esperienza e non ci sono problemi di sorta nell’affrontare nemici su nemici, a parte ovviamente la difficoltà intrinseca di lottare contro creature che non stanno certo a guardare. Ma tutto funziona e diverte come raramente si è visto in altri titoli dello stesso genere, complice un armamentario di tutto rispetto. Questi è suddiviso in tre categorie principali, cioè a dire cineticheenergetiche e distruttive. Nelle prime due rientrano delle armi tradizionali come mitragliette, armi da supporto, fucili automatici e le Submachine, giusto per citarne alcune, che si differenziano quindi solo per il tipo di danno, normale o elementale, in grado di infliggere ai nemici. Quelle distruttive, invece, come si può intuire dal nome sono quelle più potenti, capaci di uccidere con pochissimi colpi.

L’utente può equipaggiare al massimo tre armi, una per categoria, e le può cambiare al volo durante una battaglia semplicemente premendo un apposito tasto. Passando ai contenuti, quelli di questa edizione sono gli stessi identici della controparte console, raid compreso, e già a partire dal prossimo dlc, La Maledizione di Osiride, previsto entro la fine dell’anno, la sincronizzazione sarà completa. Uguali anche i problemi di connessione, aggirabili con qualche escamotage le cui guide si possono facilmente reperire sul web. Presenti ovviamente assalti, eventi pubblici ed eroici, e poi le classiche azioni di pattuglia breve, le sfide e così via, più le missioni legate alla campagna principale e gli incarichi secondari, che possono essere giocati da soli.

… E SI VEDE!

Destiny 2 C

Laddove invece il gioco torna a essere completamente differente dall’originale è il comparto tecnologico. Da questo punto di vista c’è poco da dire se non che Destiny 2 su Pc è davvero eccezionale sotto ogni punto di vista. Sembra proprio che gli sviluppatori abbiano realizzato questo porting tenendo bene in mente quelle che sono le esigenze e i gusti dei videogiocatori Pc. Di fatto, il titolo offre una grande possibilità di personalizzazione con una serie molto variegate di impostazioni grafiche in grado di rendere il gioco come lo si vuole.

Dall’occlusione ambientale, alla qualità di texture e ombre e persino il livello di dettaglio separato per quello che concerne ambienti, personaggi e ombre della vegetazione, c’è di che sbizzarrirsi. Il tutto corroborato da un fame rate sbloccato e da settaggi proprietari come il supersampling, che permette di impostare la qualità del rendering da un minimo del 25% a un massimo del 200% della risoluzione. Ne consegue un livello di dettaglio, a seconda delle configurazioni, davvero notevole, a tutto vantaggio dell’immedesimazione e di una visione d’insieme che esalta alcuni degli scenari più belli e affascinanti mai visti in un gioco del genere.

Se proprio vogliamo quindi trovare un difetto in questo Destiny 2 per computer dobbiamo guardare all’anti-aliasing, che non svolge appieno il proprio dovere. Per quanto riguarda il comparto audio, anche qui nulla da eccepire: il gioco offre un sonoro di ottima fattura sotto ogni punto di vista, dagli effetti audio alla colonna sonora, tra le migliori ascoltabili in un videogioco.

COMMENTO FINALE

Destiny 2 su Pc è a dir poco spettacolare, e se paragonato alla controparte console, sembra proprio un altro gioco. Grafica, libertà di settare quel che si vuole, perfino i comandi, il frame rate sbloccato e il gameplay di ottimo livello, tutti elementi che fanno di Destiny 2 su personal computer la versione migliore in assoluto in commercio.

 

Pregi

Ottima campagna in singolo. Visivamente spettacolare. Possibilità di configurare a piacimento vari elementi grafici. I controlli possono essere impostati indipendentemente per mouse e tastiera o joypad

Difetti

Livello di difficoltà piuttosto basso. Alla lunga può risultare un po’ ripetitivo. Problemi di connessione.

Voto

9

Tags

1 commento su “Destiny 2, Recensione Pc”

Commenta questo articolo