Recensioni

Serious Sam’s Bogus Detour, Recensione Pc

Dal 3d in prima persona al 2d con visuale a “volo d’uccello”. Dall’alta definizione alla Pixel Art. Dal ritmo frenetico ad uno altrettanto frenetico che però costringe anche prendere rapidissime decisioni e (brevi) pause. Serious Sam’s Bogus Detour si presenta così su Steam agli utenti Pc Windows e Linux.

Gli sviluppatori di Croteam (titolari della saga) e di Crackshell (autori del frenetico Hammerwatch) sfornano, così, un titolo dal fortissimo sapore retro che è stato anche tra i protagonisti della folle conferenza E3 del publisher Devolver Digital, editore questa produzione indie.

Troviamo così il protagonista Sam Stone, meglio conosciuto col nomignolo “Serious”, porsi di fronte alle terribili e temibili forze dei Mental, una razza aliena che punta a conquistare anche la Terra. La trama che in questi casi è piuttosto irrisoria, fa da collante per i tanti livelli che andremo ad affrontare e si svela attraverso delle note che vengono notificate durante le concitate fasi di gioco e che potremo leggere in qualsiasi momento assieme alle note “biografiche” dei vari nemici e delle novità che via via incontreremo.

Ed ecco la nostra recensione di questo nuovo titolo della serie uscito lo scorso 20 giugno che, come abbiamo già accennato, da fps si trasforma in sparatutto twin stick.

GAMEPLAY FRENETICO, AZIONE SANGINOLENTA CON RITMI ALTALENANTI

Serious Sam’s Bogus Detour porta i giocatori nel cuore di un’azione frenetica dove le fasi sanguinolente (vere e proprie carneficine) mitigate dalla Pixel Art, non si fanno attendere.

Per riuscire nell’impresa di salvare ancora una volta l’inconsapevole Pianeta, potremo avvalerci del joypad ma anche della combinazione tastiera (con comandi configurabili a piacimento) e mouse. In entrambi i casi, combattere e muoverci attraverso i meandri delle varie mappe ambientate nel Mediterraneo (Egitto, Grecia, Mar Egeo, Turchia ed altro) il gameplay si comporta bene con una certa fluidità sui comandi che ci permette un rapido cambio d’arma, o le capriole per eludere, o limitare, gli attacchi ed i colpi nemici. Merito anche dell’ottima e funzionale interfaccia con comandi immediati.

Serious Sam Bogus Detour Map

Facile giocare ma non vincere perché il grado di sfida, realizzato piuttosto bene e con oculatezza, è comunque elevato. Le mappe non sono lineari e permettono percorsi alternativi che possono essere più o meno redditizi ma anche, al tempo stesso, irti di pericoli. Purtuttavia, queste strade secondarie possono anche offrire segreti interessanti ed “omaggiare” di bonus, armi e munizioni supplementari non certo indifferenti. Per qualcuno potrebbe essere un problema perché il ritmo frenetico che raggiunge punte di follia assoluta come è ovvio che un gioco della serie Serious Sam sia, ma per noi si è rivelato un ulteriore asso nella manica di questo titolo.

Nondimeno è possibile selezionare alcuni parametri prima delle partite come il livello di difficoltà ed altro che rendono i match ancora più ardui o più agevoli.

Il nostro cammino, come detto, è irto di pericoli perché ci sono tantissimi nemici, e molte vecchie conoscenze, da eliminare. I folli kamikaze con le bombe al posto delle mani sono sicuramente tra i più famosi e tra quelli che mettono i giocatori della saga in un contesto quasi familiare vista la loro presenza costante.

Quello che frammenta (solo a tratti) la pazza azione di Serious Sam’s Bogus Deour, è sicuramente la vastità delle mappe alla caccia di armi che si adattano ad ogni soluzione e la ricerca di munizioni per poterle usare. Ma questa viene ricompensata con una varietà molto interessante. La scelta è davvero vasta e va dai pugni (si, il nostro eroe potrà prendere a pugni i vari alieni), ai martelli da guerra fino ai lanciarazzi, pistole, fucili, mitragliatrici, (armi storiche come la Tommy Gun) lanciafiamme, ma anche laser ed armi sempre più sofisticate ed esotiche anche di natura aliena che sono potentissime e che in certi casi possono fare la differenza tra la vita e la morte.
A rendere ancora più tattico il tutto è, come detto, la spasmodica ricerca di munizioni e chiavi speciali per poter sbloccare alcune porzioni di mappa altrimenti irraggiungibili che però si colloca in un crescendo sempre più spasmodico che si traduce, spesso e volentieri, parafrasando una frase di un celebre film catastrofista, in un costosissimo (e coloratissimo) spettacolo pirotecnico.

A dare, secondo noi, più profondità al gameplay, c’è anche l’avanzamento di livello del personaggio che offre una spruzzata ruolistica. Come in un comune gdr, infatti, raccoglieremo punti esperienza attraverso le uccisioni di nemici o ritrovamenti di determinati oggi. Sarà possibile così sbloccare abilità attive e passive in tre rami principali: personaggio, sopravvivenza, arsenale. Attivate queste abilità si miglioreranno le prestazioni del nostro Sam. Più vita, più precisione, più danni con determinati tipi di armi, più resistenza a determinati tipi di armi e così via. Questa nota ruolistica permette anche di orientarsi in un determinato stile di gameplay.

Il punto meno forte del gioco, però, è il continuo tornare sui propri passi per trovare la strada giusta. Se, infatti, nel percorso di andata, non mancherà l’azione, nel ritorno per trovare altre vie, ci faremo largo in assoluta tranquillità. Questo, in effetti, potrebbe annoiare non poco chi è abituato a ritmi elevati costanti.

A compensare un po’ il tutto ci sono le battaglie con i boss che sono dannatamente frenetiche. Si direbbe oggi che sono dei bullet hell (inferno di proiettili) che esaltano i riflessi dei giocatori più attivi e frustrano le ambizioni degli altri.

ALTRE MODALITA’ ED EDITOR

A rendere Bogus Detour un titolo piuttosto completo è la presenza di diverse modalità con la possibilità anche di giocare in multiplayer per scontri divertentissimi. PvP frenetici a 12 giocatori e la modalità Survival, faranno il resto. Ovviamente c’è anche la cooperativa online fino a quattro giocatori che rende l’azione sempre più folle.

Ma non finisce qui. L’ultima fatica di Croteam e Crackshell propone anche un editor per la realizzazione delle proprie mappe personalizzate con mostri da affrontare o per il comparto multiplayer da condividere con gli altri utenti su Steam Workshop. Ampio spazio, quindi, per le mod con tante opzioni già realizzate ed altre in arrivo con aggiornamenti. Sono già decine le proposte degli utenti con quest alternative e molto altro. Vi lasciamo, a tal proposito, a questa guida rapida pubblicata dagli sviluppatori.

QUEL SAPORE RETRO PROPOSTO ALLA GRANDE

Serious Sam Bogus Detour O

Ma cosa c’è sotto il cofano di Serious Sam’s Bogus Detour? Tanto. Perché realizzare una grafica in pixel art e proporre al tempo stesso tante finezze non è sempre un compito semplice.

L’aspetto grafico ci riporta ai gloriosi anni ’90 quando questo genere di grafica in pixel andava per la maggiore visto il periodo storico ancora un po’ lontano dall’imperante presenza di un 3d credibile. La varietà degli ambienti, gli effetti, le tante animazioni differenti sullo schermo ma anche gli effetti fisici, i giochi di luce e di ombre, sono decisamente ben fatti. Una vera e propria festa (esplosiva) del pixel.

Non mancano le finezze come ad esempio la presenza costante dei resti e brandelli dei nemici. Giusto ricordare che nonostante ci sia un aspetto a 16-bit, la vocazione splatter del gioco sia piuttosto elevata. Nel complesso, la grafica ci è piaciuta molto facendoci fare un bel viaggio indietro nel tempo ma anche ricordare che se 20 o 25 anni fa avessimo avuto questo tipo di effetti, avremmo gridato al miracolo.

Serious Sam Bogus Detour H

Di atmosfera il sonoro con un’ottima musica anch’essa dallo stile retrò e con il nostro protagonista che ogni tanto commenta in modo colorito alcune fasi di gioco. Da notare come i brani si alternino e si adattino al rimo dell’azione con un tema d’accompagnamento che viene sostituito quando ci si trova davanti a frotte di nemici più o meno forti. Questo contribuisce a creare la giusta tensione.

Ricordiamo che questo nuovo Serious Sam ha una fortissima vena indie e pesa soltanto 500mb. Ci fa piacere sottolinearlo perché spesso e volentieri questa grandezza equivale a quella dei soli filmati delle produzioni tripla A.

COMMENTO FINALE

Serious Sam celebra sé stesso con Serious Sam’s Bogus Detour. Questo gioco, infatti, ci offre la summa della saga fps portandola in un contesto in Pixel Art ed in visuale dall’alto (a volo d’uccello) che ci ha ricordato alcuni classici degli anni ’80, fra tutti Commando anche se poi un po’ differente o, meno lontano nel tempo, Alien Breed.

Divertente fin dall’inizio grazie anche a tante piccole chicche che gli amanti della serie ma anche di chi apprezza il genere degli sparatutto twin stick e l’atmosfera fortemente retro, potranno senza dubbio ammirare.

Frenetico a tratti ma anche tattico, in altri, Croteam e Crakshell propongono un gioco che a nostro avviso equilibrato (anche se arduo già a difficoltà normale, una delle quattro selezionabili, ndr) e piuttosto vario. La campagna, da affrontare da soli o in cooperativa fino a quattro giocatori, è molto interessante ma le modalità multiplayer nonché la presenza di un editor per realizzare i propri contenuti e condividerli tramite Steam Workshop, dà ancora più peso al titolo.

Ci è piaciuto particolarmente anche la presenza di un pizzico di gdr con i punti esperienza e le varie abilità da migliorare in tre rami.

Peccato solo che i ritmi siano alternati. A volte troppo frenetici altre volte un po’ vuoti perché costretti a tornare avanti ed indietro nelle mappe. Peccato anche per l’assenza, al lancio del gioco ed al momento in cui scriviamo questa recensione, della cooperativa locale che, comunque, come hanno spiegato a fine giugno su Steam gli sviluppatori, arriverà a breve e solo dopo test soddisfacenti. Pazienza. Tuttavia, Bogus Detour offre sani momenti di divertimento e lo fa anche grazie ad un comparto tecnico che non fa gridare al miracolo ma che rende perfettamente con l’idea degli sviluppatori dando fluidità ed immediatezza fin da subito. Se amate il genere non potete farvi scappare questo gioco. Se vi piacciono titoli all’antica (che però offrono tante caratteristiche moderne, leggasi editor, ndr), siete praticamente obbligati al suo acquisto.

 

Pregi

Decisamente divertente. Ottima pixel art e colonna sonora. Vasto e variegato. Gameplay difficile ma tutto sommato equilibrato. Editor contenuti. Lo spruzzo gdr dà profondità al gameplay. Multiplayer e cooperativa online interessanti.

Difetti

Ritmi elevati ma con alcuni passaggi a vuoto. A volte la sfida è davvero difficile.

Voto

8,5

Tags

Commenta questo articolo