Recensioni

Active Soccer 2DX, Recensione Xbox One

Active Soccer 2 DX C

E’ strano, ma al tempo stesso interessante, parlare ai giorni nostri di un gioco di calcio che esca dal dualismo Fifa-Pro Evolution Soccer. Certo, sembra quasi strano visto che al di la dei due giochi nominati c’è ben poco, se si eccettua Football Manager riservato agli aspiranti allenatori più avvezzi ad impostare le tattiche più disparate ed a far quadrare i bilanci del club, e qualche titolo indie (ci viene in mente il riuscito New Star Soccer 5).

Tuttavia negli ultimi tempi qualche cosa si è un po’ mossa. I gli idolatrati Dino Dini e Jon Hare, rispettivamente autori e papà delle serie Kick Off e Sensible Soccer, protagonisti negli anni ’80 e ’90, sono al lavoro rispettivamente su Dino Dini’s Kick Off Revival e Sociable Soccer. Ed è in lavorazione anche Super Arcade Soccer che promette bene.

Mentre è molto recente l’uscita su Xbox One e su dispositivi mobile di Active Soccer 2 DX, un gioco indie firmato da The Fox Software che si ispira chiaramente ai due classici senza tempo appena citati.

The Fox Software è formata sostanzialmente da Gianluca Troiano che, coadiuvato da qualche collaborare ha portato in campo quello che di fatto è il primo titolo calcistico su Xbox One al di fuori dell’accoppiata Fifa-Pes.

Riuscirà il piccolo titolo indie a ritagliarsi una fetta di pubblico di appassionati di calcio? Questo è ancora presto da sapere, ma noi siamo qui per raccontarvi la nostra esperienza dal dolce sapore retro.

A META’ TRA SENSIBLE, KICK OFF E SIERRA SOCCER

Andiamo subito al dunque per descrivere l’opera di The Fox Software che è chiaramente di matrice indie ed ha influenze retro molto forti. Il lavoro firmato da Gianluca Troiano si incentra più sul divertimento, sul ritmo e su un gameplay snello senza troppi tatticismi esasperati.

Non che sia un gioco semplice, ma è per ovvi motivi molto più immediato rispetto ai titoli major e votato ad una impronta arcade pur rimanendo nei canoni della “simulazione”. Come nei titoli delle serie Kick Off o Sensible Soccer, o ancora Sensible World of Soccer o Sierra Soccer (titoli nominati non a caso), sarà possibile scegliere tattiche, modificarle (Kick Off 2 e Sensible World of Soccer in primis, erano incredibili sotto questo aspetto), o ancora fare una carriera scegliendo una squadra nei vari campionati di tutto il mondo.

Active Soccer 2 DX permette di modificare tattiche e di adattarle al tipo di gioco. Il nostro credo calcistico si esprimerà in diverse sfumature con un gameplay divertente, pronipote – visti i tempi – dei classici del passato.

Sarà possibile imbastire azioni velocissime ed altrettanto spettacolari. E’ chiaro che il realismo esasperato e quello simulativo non siano di casa.
Ma chi ama il gameplay “all’antica” non potrà non apprezzare le tante finezze che si possono realizzare: tiri al volo, rovesciate, triangolazioni di prima, passaggi rasoterra filtranti ed effettati, botte ad effetto sotto l’incrocio, uscite dei portieri disperate, pali e traverse che ci faranno disperare perché colpevoli di fermare finalizzazioni divine, colpi di testa, cross velenosi e molto altro come impossibili controlli di palla… che non rimane attaccata ai piedi e questo “piccolo aspetto” condiziona molto i tiri. Non mancano (ovviamente) i maledetti fuorigioco, falli, ammonizioni, espulsioni, replay delle azioni salienti (oltre che, naturalmente, dei gol) e diverse competizioni oltre alla Carriera, lunga e profonda che, ribadiamo, ricorda non poco quella di Sensible World of Soccer e dove sarà possibile gestire la squadra, il mercato, le tattiche nel tentativo di vincere portando magari una piccola squadra di Conference, la quinta serie inglese, ai fasti delle Premier League e delle Coppe Europee (abbiamo ritrovato con nostra sorpresa e commozione, anche cerebrale, l’Altrincham). Si può scegliere tra 850 squadre (club e nazionali) di tutto il mondo ed il database include ben 23.000 giocatori con caratteristiche individuali… espresse in stelle… cosa ci ricorda?

Ecco il menu di gestione della formazione... cosa ci ricordano quelle stelline accanto ai nomi storpiati dei giocatori?
Ecco il menu di gestione della formazione… cosa ci ricordano quelle stelline accanto ai nomi storpiati dei giocatori?

Né tanto meno mancano altre caratteristiche come giocare in campi dalle diverse condizioni di terreno e Meteo che condizionano positivamente il gameplay rendendolo vario ed avvincente. Ad esempio la pioggia rende il campo pesante con i rimbalzi del pallone imprevedibili, mentre un terreno fangoso frena la corsa della sfera mentre con un campo innevato tutto si complica.

Velocità, semplicità, precisione e divertimento. Tutte qualità che si esaltano nel multiplayer. Sovente ci siamo alzati in piedi per un’occasione andata per il verso giusto o imprecato simpaticamente per quel tiro spizzicato… e come spesso avviene, si fa la partita con 22 tiri ad 1 e si perde il match…

Nelle partite con la CPU abbiamo notato una discreta intelligenza artificiale (pur con qualche calo qua e la), ma dopo qualche partita si tenderà ad aumentare il livello di difficoltà visto che sarà sempre più facile, una volta presa la mano, riuscire ad avere facilmente la meglio dell’avversario. Dovessimo, comunque fare un parallelismo con quanto giocato in passato, le squadre e, soprattutto i portieri, di Active Soccer 2 DX sono superiori a quanto affrontato negli anni ’90.

Tornando al comparto multiplayer, è anche possibile giocare in locale fino ad otto giocatori e questo senza dubbio moltiplica le potenzialità di Active Soccer DX 2 chiaramente portate al multiplayer.

Gameplay e contenuti sono interessanti anche se è giusto dire che, per ovvi motivi, molti nomi sono fittizi. Per noi, ovviamente non è un problema ed a tal proposito vi segnaliamo la presenza dell’ottimo editor di squadre. Ad ogni modo l’operazione “ritorno al passato” come aveva auspicato Troiano ci sembra riuscita molto bene visto che lo spirito di Sensible Soccer, piuttosto che di Kick Off o di altri ci è sembrato ben radicato. Una entità ben definita e decisamente più forte della semplice presenza.

GRAFICA SEMPLICE, CARINA E FLUIDA, SONORO OLD STYLE E “FIRMATO”

Detto del gameplay e dei contenuti, parliamo dell’aspetto tecnico. Prima della grafica, una nota va per il menu. Questo si presenta molto all’antica. Praticamente spartano. Non è troppo efficace anche se fa il suo dovere ma altre soluzioni potrebbero essere pensate. Nondimeno, alcune volte i comandi delle opzioni appaiono poco visibili e quasi non ci si accorge dell’opzione appena selezionata.

Difetto da non sottovalutare ma che non ci vorrà molto ad eliminare con i prossimi aggiornamenti. Fatta questa piccola premessa andiamo a noi. Il comparto grafico è gradevole, offre diverse inquadrature ed il campo di calcio è ben reso. I modelli poligonali dei giocatori sono, invece, ridotti quasi all’osso. Ma vista la natura indie è praticamente ovvio. Un compromesso da accettare e che si accetta. Non ci sono rallentamenti di sorta, le animazioni essenziali permettono un’azione globalmente fluida.

Non mancano le finezze come gli effetti atmosferici, le gocce di pioggia, il terreno pesante, le varie forme dell’erba rasata nel campo di calcio, le reti che si gonfiano, ed alcune animazioni dei portieri oltre che quelle delle acrobazie dei giocatori.

Il sonoro accompagna degnamente il tutto. La canzone principale è firmata nientepopodimeno che da Chris Huelsbeck compositore tedesco molto famoso tra gli anni ’80 e ’90 per aver realizzato colonne sonore di videogiochi storici. Tra tutti ricordiamo quelle dei primi due Turrican su Amiga. Ed il sound anni ’90 impernia l’aria di Active Soccer 2 DX. In campo, i soliti cori da stadio che più o meno tendono a ripetersi ma che comunque accendono la contese. Splendidi gli effetti sonori dei pali e delle traverse nonché quella della pioggia e dei tuoni.

Pur non avendo mezzi paragonabili a quelli di Electronic Arts e Konami, si può parlare di un lavoro indie sicuramente ben svolto che, ribadiamo ancora una volta – pur non disdegnando qualche tocco di classe – punta moltissimo sul gameplay.

Active Soccer 2 DX B

COMMENTO FINALE

Eccoci alla resa dei conti. Da vecchi videogiocatori Active Soccer 2 DX ci è piaciuto molto. Il lavoro certosino di Gianluca Troiano e dei suoi collaboratori è senza dubbio apprezzabile. Si tratta pur sempre di una produzione indipendente pensata inizialmente per il mercato mobile (presto parleremo anche dell’edizione Android). Fatta questa premessa è giusto dire che il gioco si deve prendere per quello che è.

Se volete un diversivo da Fifa e Pes, certamente Active Soccer 2 DX può fare al caso vostro. Non crediamo certo possa fare effettivamente da terzo incomodo ma crediamo che possa essere una buona variante. Lo spirito dei classici del passato è molto presente: la modalità Carriera è molto simile a quella di Sensible World of Soccer, mentre il gameplay richiama anche Kick Off 2 e Sierra Soccer. Il gameplay è, quindi, immediato ed è divertente anche se non c’è l’iper realismo che le produzioni tripla A cercano e provano ad incarnare anno dopo anno (con risultati spesso alterni) anche se è possibile realizzare azioni “da sogni” e fare gol in qualunque modo si desideri (giocatori, portieri, legni e fortuna permettendo).

Chi ama il passato o comunque cerca un gioco calcistico capace di divertire senza troppe frustrazioni (legni colpiti a portiere battuto esclusi) e di offrire ore ed ore di divertimento in compagnia o anche in single player (questo grazie alle numerose competizioni, è possibile anche “disegnarle” a proprio piacimento ma principalmente grazie alla modalità Carriera), può certo puntare ad Active Soccer 2 DX che offre anche un comparto tecnico molto semplice ma decisamente efficace.


Pregi

Immediato. Divertente. Ottimo gameplay. Tecnicamente semplice ma efficace. Molto longevo. Decisamente vario. Irresistibile in multiplayer. Incarna bene lo spirito dei classici del passato. Sound anni '90.

Difetti

Interfaccia dei menu migliorabile. Ovviamente dettagli piuttosto limitati. Ogni tanto, l'IA ha dei cali.

Voto

8+

Tags

1 commento su “Active Soccer 2DX, Recensione Xbox One”

Commenta questo articolo