In primo piano

GOG.com apre una sessione per i film e serie TV senza DRM

7 Visualizzazioni

gog.com-header

GOG.com, il negozio digital delivery famoso per riproporre grandi classici del passato e titoli indie, ha aperto una sessione della propria piattaforma ai film ed alle serie TV. Possibilmente grandi produzioni hollywoodiane.

Ovviamente anche queste rigorosamente liberi da DRM come da filosofia della “costola” di CD Projekt RED (gli autori della serie The Witcher) che è in continua evoluzione ed espansione e che prossimamente riceverà anche un client dedicato (Galaxy) come i suoi concorrenti Steam ed Origin.

Per quanto riguarda la sessione film, la grande novità di queste ore oltre ad un ritocco dell’interfaccia grafica dello store, sono presenti 21 documentari tutti a tema videogiochi. Due di questi, Art of Playing e TPB AFK: The Pirate Bay Away From Keyboard, sono gratuiti. Si parte così. Per il futuro si vedrà.

E c’è anche il trailer di presentazione di questo nuovo servizio di GOG.com.

[embedplusvideo height=”423″ width=”700″ editlink=”http://bit.ly/XST3nU” standard=”http://www.youtube.com/v/pZQL-8SDyi8?fs=1&vq=hd720″ vars=”ytid=pZQL-8SDyi8&width=700&height=423&start=&stop=&rs=w&hd=1&autoplay=0&react=1&chapters=&notes=” id=”ep9133″ /]

L’obiettivo dichiarato, infatti, è quello di attirare le case di grande distribuzione a vendere su GOG.com le proprie produzioni senza DRM.

Tuttavia non sembra una missione facile: i problemi, tuttavia, non provengono dai dirigenti delle case, che concordano nel giudicare inutili le varie protezioni. Sono i legali che sono contrari alla rimozione di tali (inutili) sistemi di protezione. Così come ha detto Guillame Rambourg, pezzo grosso di GOG.com America ad Eurogamer.

“La nostra idea iniziale era quella di iniziare con i pezzi grossi, ma è non è un processo facile – ha spiegato Rambourg – e nel nostro primo giro di colloqui le risposte sono state positive riconoscendo la bontà dell’idea ma al tempo stesso hanno detto di non voler essere i primi ad adottare questa filosofia. In molti ai piani alti degli studi cinematografici hanno convenuto che il DRM non ha senso, ma hanno anche aggiunto che i loro legali non ne avrebbero consentito la rimozione”.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento