ArticoliMulti

Batora: Lost Haven, primi dettagli e trailer

Stormind Games ha tolto il velo alla sua nuova IP rilasciando un trailer e comunicando i primi dettagli su questo nuovo action rpg

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




Gli italianissimi Stormind Games, sviluppatori dell’acclamata serie Remothered, hanno svelato la loro nuova IP, Batora: Lost Haven. Il titolo, in uscita su Pc, Xbox One e X, PlayStation 4 e 5 e su Switch, sarà un action rpg basato sulla dualità e su scelte che potrebbero cambiare la storia di ogni giocatore. Stormind Games aveva da poco annunciato la collaborazione con la scrittrice Anne Toole, Ron Fish, famoso compositore di giochi già al lavoro sulla serie Arkham di Batman e God of War, e l’ex concept artist di Assassin’s Creed Borislav Mitkov.

Vi lasciamo al primo trailer del gioco, buona visione.

IL GIOCO

Batoria: Lost Haven è un action rpg che segue le vicende di Avril, una normale sedicenne, che, dopo aver perso tutto ciò che le era caro, realizza di essere l’unica a poter salvare la Terra dall’oblio. Così inizierà la sua avventura interplanetaria: in questo viaggio visiterà misteriosi e coloratissimi pianeti e incontrerà personaggi intriganti.

Lontano da ogni action rpg standard, Batora è basato sulla dualità fra mente e corpo, meccanica che sfiderà i giocatori a trovare il perfetto bilanciamento tra le due, perché perdere di vista anche solo una delle due variabili potrebbe portare alla fine prematura del viaggio. In Batora non saranno presenti scelte nere o bianche, buone o cattive: esistono decisioni e le loro conseguenze. Ogni decisione di Avril sarà importante, spesso saranno addirittura determinanti per la sua vita, i personaggi che incontrerà o i posti che visiterà.

La dualità della protagonista è uno dei contenuti unici principali che chiederà ai giocatori di usare la meccanica di cambio, per alternare tra le statistiche fisiche e mentali. Imparare il giusto tempismo per colpire o non essere colpiti e in quale stato farlo, rappresenterà una sfida considerevole anche per i giocatori più esperti.

Pur portando lo studio in una nuova direzione e affrontando un nuovo genere, Batora rimarrà anche fedele ai principi fondamentali di Stormind di offrire storie intense ed emozionanti in tandem con stili artistici unici e distintivi.

LA PAROLA AGLI SVILUPPATORI

In occasione del trailer di annuncio, gli sviluppatori hanno voluto parlare direttamente al pubblico.

Antonio Cannata, amministratore delegato e fondatore di Sotrmind Games, si è cosi pronunciato:

Siamo tutti estremamente entusiasti di poter finalmente annunciare questa nuova avventura al mondo. Questa è la prima IP proprietaria di Stormind Games e il nostro primo videogioco di nuova generazione. Stiamo migliorando il nostro gioco, e da uomo che lavora in questo settore ma anche da giocatore appassionato, posso affermare con certezza che la crescita professionale del nostro team, insieme al contributo di star come Anne Toole, Borislav Mitkov e Ron Fish, fa decisamente di Batora: Lost Haven il nostro progetto più ambizioso finora.

Il narrative designer Giacomo Masi ha dichiarato:

Viviamo le nostre vite in uno stato di flusso costante tra il nostro benessere fisico e mentale, spesso senza pensare a come si influenzano a vicenda. Il viaggio che Avril intraprende in Batora si concentra davvero sulla necessità di un dualismo strategico, cioè padroneggiare l’equilibrio tra il fisico e il mente, presentando una narrativa multi-ramificata, piena di conseguenze, coerente, ricca di colpi di scena e personaggi.

Gaetano Caltabiano, direttore artistico del progetto, ha voluto aggiungere:

Superare la separazione tra l’azione fisica e l’approccio mentale richiede una rappresentazione visiva particolare, e abbiamo cercato di distinguere i due aspetti adottando una grafica che sembra un dipinto, ispirata dall’arte fantascientifica del 1950, piuttosto che seguire l’approccio fotorealistico tipico di molti giochi tripla A di oggi. Abbiamo tratto molta ispirazione da artisti del calibro di Alphonse Mucha e dagli intensi ambienti fantascientifici di Paul Lehr.

Tags

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




Commenta questo articolo