ArticoliIn primo pianoPC

Don’t Starve: Hamlet esce dall’early access di Steam

Conosciamo l’aristocratico “Pigmen” e sopravviviamo all’Aporkalypse. Trailer di lancio e dettagli

Don’t Starve: Hamlet, la terza espansione del titolo originale di Klei Entertainmente, è uscito dall’accesso anticipato su Steam.

In questo dlc, i giocatori scopriranno una città perduta di aristocratici “Pigmen” immersi in una giungla tropicale lussureggiante. Espandendo lo stile oscuro che contraddistingue lo sviluppatore Klei, Don’t Starve: Hamlet vedrà i giocatori che devono usare le loro abilità e strategie di sopravvivenza sviluppate in Do not Starve per trovare il loro posto tra i” Pigmen” e superare l’inquietante Aporkalypse.

Con un’intera civiltà da esplorare, c’è molto da fare in Don’t Star: Hamlet si adatta ad una nuova società alla scoperta di rovine perdute, tutte con nuovi personaggi per l’avventura.

Ecco il trailer di lancio, buona visione.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DI DON’T STARVE: HAMLET

  • Reagire alla vita di città: visitate i negozi e commerciate con la società dei suini. I giocatori possono acquistare e rinnovare la propria casa.
  • Esplorando le antiche rovine: i giocatori scopriranno il mondo perduto di un’antica civiltà suina piena di trappole per cimentarsi nella caccia al tesoro.
  • Esplorando nuove terre: scoprite i segreti della nuova fauna e delle stagioni.
  • Elaborazione e sperimentazione: nuovi ingredienti e ricette per aiutare a risolvere i nuovi e unici problemi che questa nuova terra porta.

TRE NUOVI PERSONAGGI

  • Wilba – Figlia della regina Malfalfa, la principessa Wilba ha l’amore della sua gente. Se solo avesse voluto regnare.
  • Wormwood – Chissà da dove viene questa creatura della natura ma probabilmente crescerà su di voi.
  • Wheeler – Un aeronauta coraggioso la cui ultima avventura è andata fuori rotta.

Oltre alle prove e ai tesori che attendono i giocatori in Hamlet, c’è un nuovo personaggio a sorpresa per tutti i possessori di Don’t Starve. Ma chi sarà? I giocatori scopriranno presto come Wagstaff sia arrivato.

Tags

Commenta questo articolo