AnteprimaPC

Commando Fodder: War Dogs, anteprima

Il nostro DannyDSC ha provato il titolo di DPAD-FTW che rievoca l'amatissimo Cannon Fodder

Altro giro, altro indie in arrivo. DPAD-FTW, sviluppatore indipendente che ha già all’attivo l’interessante e visionario Ye Fenny, ci ha invitato a provare il nuovo gioco di strategia che ha rilasciato da pochi giorni su Steam in accesso anticipato. Si chiama Commando Fodder: War Dogs, titolo che i più esperti avranno già accostato al celebre Cannon Fodder.

DannyDSC  lo ha provato e ci propone questa anteprima basata sulla primissima versione del titolo che conta, al momento in cui scriviamo 20 in questa versione 1. Nel gioco finale saranno oltre 100.

Buona lettura.

UN GIORNO SENZA SANGUE È COME UN GIORNO SENZA SOLE

Avviato il gioco, veniamo accolti da una bella schermata in stile Windows 3.1, molto “retrostyle” ma davvero accattivante. Da qui potremo lanciare il gioco, sperimentare un breve benchmark, formattare gli slot di salvataggio nel caso volessimo ricominciare da zero.

Dato che non abbiamo ancora fatto una partita, ci buttiamo e dopo aver scelto lo slot di salvataggio, partiamo con la prima missione, niente tutorial. I comandi comunque non sono molti, e molto semplici. Con il tasto sinistro del mouse muoveremo le nostre truppe, il tasto destro servirà per mirare.

I tasti Q, W, ed E sono riservati alla scelta delle armi. Si parte dal nostro fidato AK-47, passando per le mine antiuomo, concludendo con l’ineffabile bazooka. Ogni missione prevede determinati obbiettivi da portare a termine. Dall’eliminare tutti i nemici presenti sulla mappa, al distruggere tutti i veicoli e gli edifici che incontreremo, la missione avrà termine solo quando avremo portato a termine tutti i compiti, non prima. Inizialmente, le missioni sono piuttosto semplici, utili per prendere confidenza sia con i meccanismi di gioco che con l’arsenale a nostra disposizione.

Andando avanti però, obbiettivi e difficoltà aumentano parecchio. Ad inizio partita, avremo a disposizione 10 plotoni, in pratica le “vite” che potremo usare prima del game over. Durante le fasi di gioco potremo prendere il controllo di tutti i nostri soldati, o di uno per volta muovendoli strategicamente.

Il tutto in maniera molto simile alla serie Commandos, o meglio ancora, alla serie Cannon Fodder, sopratuttto se consideriamo il primo. La differenza principale tra i titoli citati e Commando Fodder: War Dogs, è che quest’ultimo è più immediato e la strategia si sviluppa tramite il posizionamento dei nostri uomini che di volta in volta dovranno cercare di evitare i colpi dei nemici, e anche le esplosioni, che daranno il via a divertenti reazioni a catena dal risultato spesso deleterio per il nostro party.

NONNO, COM’ERI DA GIOVANE?

Come scritto sopra, il gioco a cui più si avvicina Commando Fodder: War Dogs, è il primo Cannon Fodder. Questa serie di giochi venne introdotta ad inizio anni 90 dalla Sensible Software, team famoso per la serie calcistica Sensible Soccer (poi Sensible World of Soccer).

Il gioco era diviso in missioni che venivano svolte da uno ad otto soldati. Ogni personaggio che riusciva a terminarla riceveva punti esperienza sotto forma di gradi che davano accesso ad armi migliori. A seconda del tipo di missioni era possibile dividere il proprio gruppo in più squadre, richiamabili tramite hotkey numeriche, e l’IA era discretamente ben fatta considerando l’epoca.

 

All’uscita su Amiga, la critica lo promosse come il gioco dell’anno, anche se il suo “rendere la guerra divertente” creò non pochi problemi. Ad oggi, conta ancora una nicchia di appassionati. Ed è rimasta viva nei ricordi la colonna sonora.

Il secondo Cannon Fodder espandeva ulteriormente il raggio d’azione portando i nostri soldati addirittura in mondi alieni e in epoche diverse, dopo essere stati rapiti dagli alieni. Anche il seguito venne molto apprezzato dalla critica, seppur considerato più difficile da portare a termine rispetto al primo capitolo. Il terzo capitolo, venne sviluppato dalla russa Game Factory Interactive, coadiuvata da Jon Hare e dalla stessa Sensible Software. Il titolo però non ebbe il successo sperato per via di una realizzazione raffazzonata, un doppiaggio mediocre ed una regia appena sufficiente. Un peccato perché l’aggiunta delle 3 dimensioni e la possibilità di guidare veicoli aggiungeva un tocco innovativo alla serie.

I MORTI SANNO SOLO UNA COSA: CHE È MEGLIO ESSERE VIVI

La grafica di Commando Fodder: War Dogs è minimale, in pieno stile primi anni ’90. Quindi abbiamo personaggi dai toni abbozzati, veicoli ed edifici graficamente semplici e mappe che ricordano Cannon Fodder.

Anche le animazioni sono poche, ed in certi casi anche comiche, come quelle delle uccisioni nemiche. Belli gli effetti delle esplosioni, che danno spesso vita a risultati inaspettati con pezzi di edifici o veicoli che vagando per lo schermo, finiscono a terra scoppiando a loro volta. Anche le tracce sonore pur non brillando per quantità sono incalzanti ed in pieno stile “Solo contro tutti”, e rendono le nostre partite gradevoli e non ripetitive.

COMMENTO FINALE

Tra Full Metal Jacket e Rambo, il gioco proposto da DPAD-FTW è uno shooter strategico dai toni adulti e dalla grafica retrostyle. Il prezzo con il quale è proposto in early access è aggressivo e lo rende davvero appetibile, anche senza i famosi sconti di Steam. La curva di apprendimento è ben calibrata, ma rimane un gioco che ai livelli più alti richiede astuzia e un’accurata pianificazione.

È divertente da giocare e speriamo che in futuro venga aggiunta la possibilità di gestire il proprio party in maniera più approfondita.
Più armi, equipaggiamenti, e la possibilità di essere promossi e passare di grado ad esempio. Anche l’inserimento di una storia di fondo, potrebbe rendere Commando Fodder: War Dogs un gioco non solo entusiasmante, ma con un’anima davvero unica.

Tags

1 commento su “Commando Fodder: War Dogs, anteprima”

Commenta questo articolo