ArticoliMulti

Red Dead Online, la beta scatta oggi alle 14,30

Si tratta dell’accesso anticipato per gli utenti che hanno acquistato la Ultimate Edition. Rockstar dà ulteriori dettagli

La beta di Red Dead Online, l’appendice multigiocatore di Red Dead Redemption 2, partirà in accesso anticipato oggi pomeriggio alle 14,30 per gli utenti che hanno acquistato la Ultimate Edition del gioco.

L’ingresso alla beta sarà scaglionato fino all’accesso completo al pubblico fissato a venerdì, 30 novembre.

Concepito da zero per la nuova generazione di piattaforme, Red Dead Online unisce il classico comparto multigiocatore dell’originale Red Dead Redemption con il meglio di tutta l’esperienza Rockstar Games nel settore. Il risultato è qualcosa di assolutamente nuovo oltre che un’esperienza che gli sviluppatori continueranno ad espandere ed evolvere nel tempo.

UN MONDO VIBRANTE

Basato sul gameplay di Red Dead Redemption 2, Red Dead Online trasforma gli sconfinati e dettagliatissimi paesaggi, città, paesi e habitat del gioco in un mondo completamente nuovo e vibrante da condividere con numerosi giocatori. Create e personalizzate il vostro personaggio, adattate le vostre abilità al vostro stile di gioco e avventuratevi in una nuova frontiera ricca di avventure.

Esplorate il mondo da solo o in compagnia degli amici. Formate o unitevi a una banda fino a sette giocatori con cui fare scorribande, raccogliervi attorno al fuoco dell’accampamento, andare a pesca o a caccia. O ancora, visitare vivaci cittadine, combattere bande nemiche e attaccare i loro nascondigli, cacciare tesori, compiere missioni e interagire con personaggi familiari provenienti dai cinque Stati. Ma anche combattere contro altri fuorilegge in schermaglie spontanee o in sanguinose battaglie prestabilite. Si può anche competere contro altri giocatori o intere bande in sfide disseminate nel mondo di gioco e molto altro ancora.

PERIODO BETA ED ACCESSI

Il lancio della beta di Red Dead Online è solo il primo passo in un mondo che si farà via via sempre più dinamico ed esteso. Questo periodo permetterà agli sviluppatori di affrontare adeguatamente le inevitabili problematiche presenti al lancio di ogni esperienza online di questa dimensione e scala.

Durante tale processo, Rockstar Games  si rivolgerà alla community per avere aiuti nel segnalare e risolvere le problematiche, condividere idee e contribuire a dare forma al futuro dell’esperienza completa di Red Dead Online. Come per tutti i titoli Rockstar Games, il team farà il possibile per rendere il lancio di Red Dead Online il migliore possibile.

Il periodo di accesso anticipato parte da oggi, martedì 27 novembre alle 8,30 (fuso orario EST, ora italiana 14,30). Si darà  gradualmente accesso a tutti i giocatori fino al suo completamento di venerdì 30 novembre. Questa procedura permetterà ai server di gestire il volume in costante crescita di giocatori simultaneamente connessi nelle prime ore e nei primi giorni della beta, oltre a ridurre la probabilità che si verifichino arresti anomali di un server durante la settimana di lancio man mano che sarà messo in funzione l’intero processo. Le informazioni complete per il lancio sono le seguenti:

  • Martedì 27 novembre: tutti i possessori di Red Dead Redemption 2: Ultimate Edition. I giocatori che hanno acquistato la versione fisica della Ultimate Edition devono riscattare il codice della Ultimate Edition presente all’interno della confezione per risultare idonei.
  • Mercoledì 28 novembre: tutti i giocatori che hanno giocato il 26 ottobre, stando ai dati in nostro possesso.
  • Giovedì 29 novembre: tutti i giocatori che hanno giocato tra il 26 ottobre e il 29 ottobre, stando ai dati in nostro possesso.
  • Venerdì 30 novembre: tutti i giocatori che possiedono il titolo.

L’accesso alla beta di Red Dead Online sarà gratuito per tutti i possessori di una copia di Red Dead Redemption 2 per PlayStation 4 o Xbox One a partire da venerdì 30 novembre. Avviando il gioco, al menu del titolo troverete un’opzione in alto a destra nella schermata per selezionare la voce Online.

Tags

Commenta questo articolo