In primo pianoMulti

La seconda edizione di Campus Party è un grande successo

L'edizione 2018 segna un record di visitatori

Oltre 10.000 presenze, quasi 2.500 tende occupate stabilmente dai campuseros, 350 speaker che si sono alternati su 8 palchi, e ancora oltre 300 partecipanti agli hackathon con 50mila euro di premi distribuiti ai vincitori. Si chiude così, con numeri che vanno oltre ogni aspettativa, la seconda edizione di Campus Party Italia, il più grande evento internazionale su ’innovazione, tecnologia e creatività’. Realizzato in collaborazione con Regione Lombardia, e con il supporto dei main partner AXA, IGPDecaux e Nexi, l’evento ha visto il coinvolgimento di 145 partner, tra cui anche Randstad, RDS, Eni, Lottomatica, Italiaonline, A2A Smart City e Accenture.

Siamo molto orgogliosi del successo di questa seconda edizione di Campus Party” – spiega Carlo Cozza, Presidente di Campus Party Global – “la nostra sfida, sintetizzata dalla nostra mission ‘riscriviamo insieme il codice sorgente dell’Italia’, è stata raccolta da migliaia di giovani entusiasti e da tutte le aziende, università e istituzioni che hanno creduto in noi”.

Il format di Campus Party, evento che si svolge in 13 paesi nel mondo, è assolutamente unico e originale: oltre ai visitatori, l’evento ha accolto migliaia di giovani che hanno letteralmente campeggiato per cinque giorni all’interno della Fiera partecipando a numerose attività tra cui talk, workshop, Reverse Mentoring (speciale format in cui sono i giovani a dare il loro punto di vista a professionisti e manager esperti) di Regione Lombardia, Nexi, Banca Mediolanum, Eni, Lottomatica, Italiaonline e Kantar, e proposte dell’area lavoro – la “Job Factory”, realizzata in collaborazione con Randstad.

Sul main stage del festival si sono alternati ospiti internazionali quali la rock star della matematica di Berkeley Edward Frenkel, Rob Spence, il primo eyeborg al mondo, George Hotz, hacker che si occupa del futuro della mobilità, Jon “Maddog” Hall, guru dell’open source ed Executive Director di Linux Professional Institute e Atreyam Sharma, imprenditore e motivatore tecnologico di soli 16 anni. Non sono mancate le eccellenze italiane quali Adrian Fartade, uno tra i più famosi divulgatori scientifici italiani in ambito aerospaziale, il fisico Guido Tonelli, lo scopritore del bosone di Higgs, e Enrico Mentana, che ha raccontato ai presenti il suo nuovo progetto editoriale.

Immancabili le CPHack, speciali maratone (hackathon) che hanno coinvolto sviluppatori, designer, esperti e appassionati di business e marketing che hanno messo in campo competenze e creatività per dare risposte innovative alle sfide lanciate dalle aziende partner. Team eterogenei e internazionali si sono sfidati proponendo alle giurie composte da esperti d’azienda, prototipi e nuove idee per innovare prodotti e servizi e per vincere i 50mila euro di premi a disposizione, divisi tra i 19 vincitori dei 7 diversi CPHack. Dal benessere al mondo delle assicurazioni (con AXA), passando per i pagamenti digitali (Nexi), energia (Eni gas e luce), sport infotainment (Lottomatica) e musica (RDS), fino all’utilizzo della blockchain per la pubblica amministrazione (Regione Lombardia).

Di seguito trovate una corposa gallery dell’evento, tra partecipanti, ospiti e istantanee dell’evento in dettaglio.

Tags

Commenta questo articolo