ArticoliSpecialeVideo

A Palermo la conferenza su Giornalismo e Comunicazione nei Videogiochi

Sabato scorso, presso i locali di CaveCanem abbiamo spiegato alcune sfaccettature del nostro lavoro

Spiegare il lavoro del giornalista non è facile. Soprattutto del giornalista in ambito videoludico così come anche i compiti di chi scrive una notizia o di chi scrive recensioni. Il pubblico legge e si fa le proprie idee ma spesso non sa che anche dietro 3-4 righe di una flash possa nascondersi un lavoro che va ben oltre il copia-incolla o quello delle quattro parole messe di fila tanto per riempire spazio.

Sabato scorso, ospiti di Cavecanem abbiamo tenuto una conferenza su Giornalismo e Comunicazione nei Videogiochi che ha fatto parte del percorso più ampio di New Game Plus.

Accanto a me, direttore di questa piccola realtà che è IlVideogioco.com anche Claudio Cugliandro fondatore di Deeplay e firma emergente di Everyeye con il quale ho avuto il piacere e l’onore di intrattenere il pubblico presente ed anche chi ha avuto la bontà di seguirci per due orette in diretta web.

Ne è nato, grazie alla moderazione di Pietro Lo Re, un confronto interessante che sicuramente può essere ulteriormente approfondito sotto diversi aspetti in incontri futuri. Chissà. Noi siamo sempre disponibili.

E l’argomento mi preme perché unisce insieme le mie passioni più grandi: scrivere (lo faccio da sempre ma a livello professionale da 18 anni ormai soprattutto di sport, cultura, spettacoli ed anche cronaca se serve) e videogiocare. Benché per quest’ultimo il tempo venga sempre meno a causa del lavoro e degli impegni di ognuno di noi.

Sono stato contento di aver spiegato in grandissime linee l’abc sulla differenza tra un articolo ed un comunicato stampa e di fare attenzione al tipo di notizie da leggere. Le meccaniche basilari per scrivere un articolo e comunque spiegare quale sia la differenza tra un giornalista ed un PR (o addetto stampa). Una differenza che è utile conoscere per capire alcune dinamiche fondamentali perché benché facciano parte della stessa medaglia, spesso e volentieri sono le facce diverse della medaglia.
Ovviamente abbiamo convenuto con Claudio Cugliandro che i peggiori nemici non sono certo gli YouTuber o gli Influencer (benché non abbiano obblighi rispetto ad un giornalista che è comunque iscritto ad un albo e che avendo il compito di vagliare fonti e di andare a fondo può dare garanzie di qualità su quello che scrive e propone) ma che è certamente il lavoro fatto male a far vacillare gli equilibri ed a danneggiare molti. Il copia-incolla selvaggio e la noncuranza dell’approfondimento delle fonti sono tra le cose peggiori.

Claudio Cugliandro ha poi spiegato i diversi tipi di recensione e modi di scriverla approfondendo altri temi più ampi per un giornalismo di qualità. Praticamente il nostro lavoro, la nostra professione – specie in ambito videoludico – è una missione. Non facile.

P.S. Scusate la prima persona ma ogni tanto ci può stare scrivere in modo più colloquiale.

Ad ogni modo troverete tutto in questo video. Buona visione.

Tags

Commenta questo articolo