Articoli

Assetto Corsa, Kunos Simulazioni ed il 2018

Marco Massarutto, brand&product manager, nonché una delle figure chiave di Kunos Simulazioni, parla di Assetto Corsa, del team e del 2018 attraverso un post sul sito del gioco e pubblicato anche in italiano sulla pagina Facebook.

Breve cronistoria ma anche uno sguardo al futuro che potrebbe portare qualche cosa di nuovo. Ma andiamo con ordine.

Si parte con un resoconto generale di quello che è stato il (mastodontico) lavoro di sviluppo su Assetto Corsa, svelato nell’ormai lontano 2011 e con una presentazione alla Gamescom di Colonia dell’anno dopo. Poi, nel 2013 l’Early Access e nel 2014 la versione 1.0.

Dove molti si sarebbero fermati, però, Massarutto e soci hanno continuato facendo evolvere il gioco con tantissime novità e contenuti supplementari. Come nel 2015 quando c’è stata la licenza Lamborghini ed il rilascio della prima versione del Nürburgring Nordschleife interamente basata su dati di laserscan, che ha reso il celebre circuito la controparte virtuale più fedele mai realizzata fino ad allora.

Poi nel 2016 l’approdo del gioco su PS4 ed Xbox One e la presentazione del Porsche AC Programme che ha segnato l’inizio di una partnership unica con la casa di Stoccarda e portato in Assetto Corsa la migliore selezione di vetture Porsche viste in una simulazione di guida hardcore dopo 13 anni.

Nel 2017 il team ha celebrato il 70° anniversario della Ferrari con un pacchetto dedicato che ad oggi è uno dei dlc di maggior successo per Assetto Corsa, cosa ancora più rilevante visto che il gioco è sul mercato da ormai tre anni.

assetto corsa red pack E

È bene ricordare che nel 2011 Assetto Corsa fu concepito per essere una piattaforma “moddabile” (ovvero modificabile da terzi) che avrebbe dovuto includere una ventina di auto, cinque circuiti e le funzionalità di base tipiche di una simulazione di guida. Oggi il gioco è considerato uno dei titoli di riferimento nel suo genere (orgoglio del made in Italy all’estero aggiungiamo anche, ndr) ed include 177 auto in 20 classi e generi, 19 circuiti in 35 configurazioni, una carriera offline, campionati personalizzati, una solida esperienza multiplayer e molto altro ancora, per non parlare del supporto continuo offerto al modding, che ha prodotto un’incredibile raccolta di contenuti di terze parti creati da una community appassionata e incredibilmente preparata.

Massarutto parla di Kunos:

“Ma soprattutto, nel corso degli anni il nostro team ha lavorato duramente per migliorare ogni singolo aspetto della simulazione: aggiungendo nuove funzionalità e migliorando la fisica, le performace e il modello degli pneumatici, nonché le funzionalità single e multiplayer, con l’obiettivo di garantire ai nostri fan una simulazione di guida capace di mantenere standard elevati nella cura riposta nella riproduzione delle vetture, degli effetti sonori, nel feeling di guida. Questo supporto a lungo termine è stato possibile solo grazie alla nostra user base, a quei simracer e giocatori che hanno acquistato il nostro prodotto e giorno dopo giorno ci hanno fornito suggerimenti e critiche costruttive con l’obiettivo di migliorarlo sempre di più”.

E non può mancare anche l’acquisizione di Digital Bros:

“Un altro evento importante nel 2017 è stata l’acquisizione di Kunos Simulazioni da parte di Digital Bros, una decisione che come fondatori dello studio, Stefano Casillo e io abbiamo preso con l’obiettivo di consolidare il team, garantire maggiore stabilità, forza e risorse per il presente e il futuro al nostro team di sviluppo”.

Per poi parlare del futuro:

“Già, il futuro: cosa potete aspettarvi da qui in avanti? Assetto Corsa ci ha impegnato per quasi sette anni, e abbiamo continuato a svilupparlo e migliorarlo per tre anni dopo il rilascio. Assetto Corsa non è solo un “gioco”; si basa su una tecnologia che abbiamo progettato e sviluppato “in house”, dettaglio non secondario, dal momento che è la tecnologia a determinare e definire la qualità, le performance e le potenzialità dei prodotti basati su di essa. Per questo motivo abbiamo dedicato anni a migliorare un engine concepito nel 2011, e per la stessa ragione, nel corso del 2017 abbiamo deciso di investire tempo ed energie in ricerca e sviluppo, ponendo nuove basi che definiranno ciò con cui saremo – e speriamo, sarete – impegnati negli anni a venire”.

E tornare a parlare del team e delle possibili novità venture:

“Ma non è solo il software ad essere cambiato ed evoluto nel corso di questi anni, ma anche l’azienda stessa. Quello che una volta era un gruppo di quattro ragazzi che cercavano di competere con i nomi più affermati nel mondo del simracing ora è una squadra di 25 persone, più matura e preparata. Trovare le “persone giuste” da inserire in un ambiente di lavoro del tutto particolare come la Kunos Simulazioni non è stato facile, ed è qualcosa che ci ha visti particolarmente impegnati anche nel 2017. Sono felice di dire che i risultati sono incoraggianti e il futuro è promettente grazie ai nuovi talenti che siamo riusciti ad aggiungere al nostro team e che si uniranno ai fondatori di Kunos, alla nostra “vecchia guardia” che ha seguito Stefano e me sin dall’inizio e tutte le altre persone che avete imparato a conoscere durante questa avventura. Di tutto questo dobbiamo ringraziare anche i nostri nuovi soci in Digital Bros, che hanno scommesso su di noi permettendoci di pensare e sognare più in grande persino di quanto abbiamo fatto finora.
Parlando del Team, nel 2017 abbiamo dato il benvenuto a quattro nuovi programmatori specializzati rispettivamente in grafica ed effetti speciali, UI e animazioni, meccanica e fisica, ad ambiente e classifiche online, con l’obiettivo di migliorare in futuro in quelle aree che possono rendere la vostra esperienza con noi ancora migliore.
C’è sempre un certo margine di miglioramento, anche dopo tutto il lavoro svolto in questi 7 anni: il 2017 è stato per noi un anno molto importante per definire la nuova base nella tecnologia che useremo in futuro. Ancora oggi, continuate a chiederci nuovi contenuti e funzionalità, e questo per noi significa molto, perché dimostra che desiderate che la Kunos faccia parte del vostro tempo, della vostra passione per l’automobilismo e le corse. Più di ogni cosa desideriamo continuare a soddisfare le vostre aspettative: ma per farlo, e garantirvi ciò che la nostra attuale tecnologia non è in grado di gestire, è tempo di guardare oltre, e quest’anno abbiamo iniziato a farlo.
Quando è arrivato, Assetto Corsa si è rivelato essere qualcosa di completamente nuovo, e diverso, da quanto si era visto fino a quel momento. Stiamo lavorando duramente per darvi di nuovo questa bellissima sensazione”.

 

Tags

1 commento su “Assetto Corsa, Kunos Simulazioni ed il 2018”

Commenta questo articolo