In primo piano

Yakuza: Ishin in Occidente si chiamerà Yakuza Restoration; sarà un gioco per PS3 e PS4

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




yakuza-restoration

Alcuni piccoli dettagli su Yakuza: Ishin. In primis sul titolo della versione occidentale. Dalle nostre parti, il gioco, ambientato questa volta nel Giappone feudale ed in particolar modo nel Periodo Edo, si chiamerà Yakuza Restoration.
Durante la conferenza Sony di questa mattina è stato annunciato anche che il titolo sarà disponibile su PlayStation 3, PlayStation 4 e sarà giocabile col remote-play PlayStation Vita. Comunicata anche la data: il gioco arriverà nei negozi a partire dal 22 febbraio anche se questa data si rifà al mercato del Paese del Sol Levante. Tra l’altro in quel giorno ci sarà il lancio della PS4 in Giappone.
Altri dettagli saranno rivelati prossimamente al Tokyo Game Show in programma dal 19 al 22 settembre prossimi.

Fonte: Joystiq

Tags

Sostieni IlVideogioco.com

Caro lettore, la redazione de IlVideogioco.com lavora per fornire aggiornamenti precisi e affidabili in un momento lavorativo difficile messo ancor più a dura prova dall’emergenza pandemica.
Se apprezzi il nostro lavoro, che è da sempre per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Vorremmo che il vero “sponsor” fossi tu che ci segui e ci apprezzi per quello che facciamo e che sicuramente capisci quanto sia complicato lavorare senza il sostegno economico che possono vantare altre realtà. Sicuri di un tuo piccolo contributo che per noi vuol dire tantissimo sotto tutti i punti di vista, ti ringraziamo dal profondo del cuore.




Commenta questo articolo