In primo piano

Diablo III: Ultimate Evil Edition, Phil Spencer dice la sua sulla versione Xbox One

23 Visualizzazioni

Diablo III reaper of Souls 1906 22

Phil Spencer, capo di Xbox, dice la sua sulla versione Xbox One di Diablo III: Ultimate Edition e chiarisce la questione dei 1080p.

Come saprete, tale versione gira a 1080p con Blizzard che prima nativamente aveva lavorato a questa risoluzione per poi scendere a 900p e tornare agli originari 1080p dopo un intervento di Micrsoft che comunque aveva anche fornito agli sviluppatori nuovi strumenti per la programmazione che permettevano di sfruttare ulteriori risorse della console.

L’oggetto del contendere sarebbe stato proprio l’intervento di Microsoft che avrebbe “imposto” a Blizzard tale risoluzione.

Bene, Phil Spencer tramite Twitter (riporta il tutto DualShockers) ha tentato di fare chiarezza precisando:

“Non è nostra intenzione obbligare nessun gioco a raggiungere i 1080p. Noi lavoriamo a stretto contatto con tutti gli sviluppatori, affinchè riescano a portare su Xbox One il gioco che hanno in mente. Diablo III è arrivato in concomitanza con l’incremento di prestazioni della GPU della nostra console avvenuto a giugno e questa combinazione è stata molto proficua per riuscire a realizzare un’ottima versione per Xbox One. Ho solo ritenuto che avremmo potuto ottenere i 1080p. Se Blizzard non fosse stata del medesimo avviso avrebbero comunque avuto l’ultima parola in merito al risultato finale”.

Spencer ha pure risposto ad un utente che ha colto l’occasione per fare riferimento ad una sua precedente dichiarazione. Qualche giorno fa, l’alto dirigente, aveva detto che per Microsoft era più importante il gameplay piuttosto che la risoluzione.

“Sono pienamente concorde con te. Lasciamo agli sviluppatori la possibilità di decidere come realizzare il proprio gioco. In fondo conoscono il loro prodotto meglio di me. Sono gli studi a prendere qualunque decisione, persino i nostri first party. Non ho mai imposto alcunché in merito alla risoluzione o al frame rate di un gioco”.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento