WRC 4 (Recensione PlayStation 3)

wrc-4 cover

Milestone ci riprova. E propone WRC 4, nuovo titolo dedicato al Mondiale Rally con licenze ufficiali FIA.
Per la software house italiana quello con la Federazione Internazionale dell’Automobile che organizza la rassegna iridata, è un accordo importante che permette di ritagliarsi una vetrina importante anche al di fuori dello Stivale.
Il gioco ha debuttato grazie anche alla collaborazione con BigBen Interactive, publisher delle ultime fatiche Milestone, lo scorso 25 ottobre su Pc (anche su Steam), Xbox 360, PlayStation 3 e PlayStation Vita, e dopo averlo provato piuttosto lungamente vi parliamo di WRC 4.
Abbiamo analizzato la versione PlayStation 3. Provetti Loeb, a noi.

RIPARTE IL MONDIALE RALLY SECONDO MILESTONE

WRC 4 02112013

Iniziamo subito con le novità di WRC 4 che include tutti i Rally della stagione 2013. Saranno ben 13 (Montecarlo, Svezia, Messico, Portogallo, Argentina, Acropoli, Italia, Finlandia, Germania, Australia, Francia, Spagna e Gran Bretagna) con 6 prove speciali l’uno ed un totale di 78 stage. Sono presenti 65 piloti, 55 team e 16 modelli di auto ufficiali.
Nondimeno oltre alla WRC, il Mondiale “maggiore”, troviamo le categorie WRC 2, WRC 3 e la nuova WRC Junior. Di certo non ci si potrà lamentare della varietà.
I giocatori potranno scegliere se cimentarsi nel singolo stage di un rally qualsiasi grazie alla modalità Quik Race, o di disputare il Rally completo (Rally Mode) selezionando il proprio pilota favorito di una delle quattro classi presenti. O ancora decidere se affrontare l’intera stagione o se giocare nella modalità Carriera che permette agli utenti di personalizzare il proprio pilota e fargli fare esperienza nelle categorie minori fino alla scalata alla classe regina per competere con i famosi Loeb, Ogier e soci.
La Carriera offre tante stagioni ricche dove sarà possibile perseguire determinati obiettivi che man mano saliranno di difficoltà.
In sede sarà possibile controllare tutte le news che ci riguardano, le mail che riceveremo dal nostro agente e dal team manager, le notizie stampa, tener d’occhio le classifiche e tutto il resto. Il tutto è molto simile a quanto avviene in MotoGp 13 ed è gestito da una comoda ed intuitiva interfaccia. Gli albori della nostra avventura, infatti, saranno caratterizzati da stagioni nelle categorie minori alla caccia del risultato e della giusta visibilità che permetta poi di fare il salto nelle serie maggiori. Più risultati otterremo grazie al raggiungimento degli obiettivi specifici e delle vittorie, più probabilità ci saranno di essere contattati da altri team sempre più blasonati ed agguerriti.
Hot Seat è il multiplayer locale per vivere l’esperienza del rally con gli amici; Online Multiplayer permette di scontrarsi contro 16 giocatori in tutto il mondo per una gara veloce.
Sarà possibile scegliere anche in che condizione meteo giocare. La varietà dei Rally è uno dei punti forte della produzione tricolore con ambientazioni innevate, o sterrate, o ancora immerse nei boschi o in parchi, centri urbani e molto altro.
Ci sono tutti gli elementi, dunque, per giocare e rigiocare WRC 4 che presenta un alto tasso di longevità.

UN GAMEPLAY DECISAMENTE MIGLIORATO

WRC 4 in game

Da WRC 4 ci si aspettavano diverse migliorie rispetto al pur buono WRC 3. In termini di gameplay possiamo affermare che il lavoro di Milestone è stato di buonissima fattura. Tante cose sono state limate ed il salto di qualità c’è stato. Almeno a nostro avviso.
I controlli sono decisamente più precisi e guidare le diverse auto darà molteplici esperienze. Una WRC Junior è molto semplice da condurre ma le WRC sono dei bolidi da domare ed imparare a conoscere onde evitare rovinosi schianti che compromettono la meccanica ed anche il risultato sportivo.
Un plauso va fatto anche per la difficoltà del gioco completamente scalabile dagli utenti. Sarà possibile, infatti, scegliere tra diversi fattori quali l’assistenza ai comandi, oppure la presenza o meno dell’ABS o ancora il cambio automatico ed il numero di “Replay” da inserire durante le partite. In sostanza c’è il pulsante che permette di riavviare l’ultimo lasso di tempo per poter ripetere quel frangente evitando un errore grossolano o fatale. Sarà possibile, anche scegliere il peso dei danni. Gli impatti, infatti, avranno effettivamente delle conseguenze con la guidabilità della vettura e sulle prestazioni. Starà a noi scegliere se gli impatti procureranno danni morbidi o più realistici.
Anche i vari assetti durante i rally sono importantissimi. Le opzioni per modificare l’assetto delle componenti nel corso della tre giorni dei Rally (suddivisi in 6 stage) come (ad esempio) le sospensioni, l’aerodinamica e quant’altro, influirà sulla tenuta della vettura. Mentre ricordiamo che durante i Rally lunghi sarà possibile andare al parco assistenza per due volte (al termine delle prime due giornate) per riparare l’auto e modificarne i parametri dell’assetto.
In questo senso, il nuovo gioco sul Mondiale Rally viene incontro a tutte le esigenze risultando godibile sia per gli utenti più smaliziati che per quelli alle prime armi.

GLI ALTI E BASSI DELLA GRAFICA, EFFETTI SONORI ECCELLENTI

wrc_4_02112013

Andiamo al comparto tecnico del gioco. Dal punto di vista grafico, WRC 4 presenta alti e bassi. Le cose buone sono senza dubbio nel comparto grafico che vanta più dettagli rispetto al passato. Tuttavia, pur riconoscendo questo aspetto non indifferente, rimangono ancora alcuni punti in sospeso.
Alcuni dettagli sarebbero potuti essere rifiniti maggiormente come ad esempio alcuni modelli degli alberi, o alcuni effetti pop up durante le scene di intermezzo. Se ogni singola vettura riprodotta è riprodotta in modo fedele ed attinente, qualche paesaggio sarebbe potuto essere realizzato con maggior cura.
Buoni gli effetti luce, notevolmente migliorati, così come le ombre. Ottima la varietà visiva offerta da tutte le gare. Correre a Montecarlo tra la neve sarà totalmente diverso dell’assolata Grecia, l’esotica Nuova Zelanda si contrappone agli sterrati del Messico e così via.
Bene anche la fisica con gli impatti più calibrati anche se alcune volte alcuni escono fuori dalla logica risultando quasi “arcade”. Mentre le animazioni dei danni si fanno ben apprezzare (e come abbiamo visto non sono solo visivi ma i danni incidono realmente sulle prestazioni, ndr). Ci sono più effetti particellari apprezzabili ma un’altra cosa che abbiamo notato una curiosità: ci è sembrato in alcuni tratti (soprattutto nello sterrato e nella ghiaia) che la vettura non sia attaccata al terreno. E lo abbiamo visto parecchie volte. Inoltre, alcune texture sarebbero potute essere di miglior qualità e più dettagliate.
Eccellenti, invece, gli effetti sonori. Oltre alle note del navigatore (peraltro identiche a quelle di WRC 3), sono stati decisamente migliorati gli effetti della vettura durante il passaggio nelle varie tipologie di terreno. Il picchettare delle pietruzze durante gli stage caratterizzati da un fondo irregolare, lo sfrecciare sopra alcune zone bagnate ed altro offre un audio interessante.
Ultima nota, sono i caricamenti. Frequenti ed a volte lunghi. Un aspetto da migliorare.

CONCLUSIONI

Milestone ha lavorato sodo per migliorare il prodotto. C’è riuscita quasi in toto. WRC 4 è un buon passo in avanti rispetto al passato. Lo abbiamo detto durante la recensione, lo ripetiamo in questa conclusione.
Tanta l’accuratezza nel contorno gara, la modalità Carriera è soddisfacente così come la possibilità di personalizzare i dettagli del gameplay per la guida. Tutto è scalabile a partire dalla durata delle competizioni alla difficoltà della guida. Interessante il sistema di controllo davvero superiore rispetto a prima. Purtroppo ci sono alcune imprecisioni grafiche durante le gare. Un peccato perché Milestone avrebbe potuto osare sicuramente di più. La concorrenza è ancora un gradino sopra, almeno per quanto riguarda l’aspetto. E’ vero: l’abito non fa il monaco, ma ribadiamo che si sarebbe potuto fare ancora di più perché si alternano passaggi spettacolari (alcuni paesaggi sono incantevoli, i laghi della Finlandia, o la selvaggia vegetazione della Nuova Zelanda con effetti luce di alto livello) ad altri in cui sembra quasi di fare un passo generazionale indietro. La fisica è stata migliorata ma ci sono ancora alcuni ritocchini da fare. La strada intrapresa, tuttavia, ci pare quella giusta.

PREGI: Gameplay decisamente valido con una guidabilità ottima. Tutto scalabile a portata anche dei bimbi. Le licenze ufficiali non sono una cosa da poco. Tante modalità, tra cui la Carriera rinnovata. Effetti sonori interessanti.

DIFETTI: Grafica non sempre all’altezza della situazione. Fisica migliorata ma ancora migliorabile. Caricamenti frequenti e lunghi.

VOTO: 8/10.

IL TRAILER DI LANCIO

QUALCHE IMMAGINE

  • Il Fu DiKey

    Ottima rece Edo! :3

    • Edoardo Ullo

      Grazie :-)