Articoli In primo piano

PlayStation 4, Sony puntava da sempre al prezzo di 399 euro; la console sarà supportata per 10 anni

11 Visualizzazioni

Playstation-4-E3-2103

Arriva qualche retroscena sulla PlayStation 4. La console di casa Sony che arriverà nel periodo natalizio è stata particolarmente osannata nel corso di questo E3.
Shuhei Yoshida, di Sony Worldwide Studios ha spiegato a CVG come il prezzo di 399 euro (piuttosto concorrenziale rispetto ai 499 di Xbox One) sia stato sempre stato l’obiettivo della casa madre. Nondimeno, lo l’articolo parla del ciclo vitale della ventura console e si legge che verrà supportata per 10 anni. Aggiungiamo noi, che a questo punto dovremmo parlare di PlayStation 5 tra 6 o 7 anni… forse…

“A metà del ciclo vitale di PlayStation 3 abbiamo raggiunto il limite di ciò che potevamo fare con quell’hardware – ha detto Yoshida a CVG – e volevamo aggiungere la chat vocale cross-game visto le numerose richieste ma i limiti della memoria non ce lo consentivano. La memoria di PlayStation 4, così ampia e veloce, ci permetterà in futuro di migliorare e aggiungere tante nuove caratteristiche. Allo stesso tempo, continueremo a investire sui servizi online così che, a tre anni da oggi, PlayStation 4 sia molto, molto migliore di come sarà al lancio – così come abbiamo fatto con PS3 e PSVita”.

Yoshida ha poi parlato sul prezzo e sulla lavorazione della PlayStation 4.

“Disegnare PlayStation 4 voleva dire anche mettere in pratica quanto appreso in passato ed imparare dagli errori fatti con PS3. La facilità di sviluppo e il prezzo del sistema erano elementi di rilievo – ha continuato – abbiamo sempre puntato al prezzo di 399 euro e abbiamo progettato il sistema e scelto con attenzione tutte le potenziali componenti per rientrare in quel target. Siamo dunque riusciti a fare ciò che ci eravamo preposti, e speriamo che la gente lo apprezzi. Sono rimasto molto colpito dal prezzo annunciato da altre aziende (Microsoft, lascia intendere, ndr)… in positivo”.

Enhanced by Zemanta

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento