Articoli

Sony acquista Gaikai per 380 milioni di dollari, in arrivo un nuovo servizio di cloud gaming

15 Visualizzazioni

Sony Computer Entertainment acquisisce Gaikai, leader nel campo del gaming tramite cloud con un’operazione finanziaria da 380 milioni di dollari. Lo ha annunciato la stessa Sony, decisa così a realizzare una nuova piattaforma di servizi cloud per le sue console e dispositivi connessi in rete che utilizzi la rivoluzionaria tecnologia e infrastruttura di Gaikai.
L’accordo concretizza le voci di corridoio che volevano questa operazione. Sempre dai rumors, infatti, Gaikai cercava un acquirente per 500 milioni di dollari e Sony era la candidata numero 1. Poche ore fa è stato raggiunto questo accordo.

Grazie alla combinazione delle risorse di Gaikai – ha dichiarato Andrew House, Presidente ed amministratore delegato di Sony Computer Entertainment – tra cui la sua tecnologica ed il talento ingegneristico, con la vasta esperienza nel campo del gaming di SCE, fornirà agli utenti esperienze senza precedenti nel campo dell’intrattenimento cloud. SCE offrirà servizi cloud che permetterà agli utenti di godere immediatamente di una vasta gamma di contenuti che vanno dai giochi con una grafica coinvolgente a contenuti casua sempre e ovunque su una varietà di dispositivi connessi a Internet”.

House non ha specificato se questo servizio arriverà in tempo per questa generazione o se sarà pronto per l’erede della PlayStation 3.

DA GAIKAI

Il numero 1 di Gaikai, David Perry, dal canto suo, si è detto onorato di poter aiutare Sony a dare nuova forza al cloud gaming permettendo al marchio PlayStation di crescere ulteriormente. Inoltre, secondo Perry gli sforzi di Sony e Gaikai permetteranno ai principali partner commerciali di lanciare nella nuova piattaforma anche titoli di rilievo (quelli a tripla A per intenderci).

RITORNA LA RETROCOMPATIBILITA CON PSONE E PS 2?

E’ una voce di corridoio. La tecnologia potrebbe (ri)portare la retrocompatibilità con PlayStationOne e PlayStation 2 grazie allo streaming.
Vedremo.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento