Articoli

Polemiche sull’introduzione dei costi per pubblicare i trailer su internet, la SIAE risponde

19 Visualizzazioni

In molti avranno già letto su internet come la SIAE, ossia la Società italiana degli autori ed editori, abbia sancito che i siti che vorranno riportare trailer cinematografici dovranno pagare una quota trimestrale.
Si parla di 450 euro con un limite di 30 pubblicazioni a trimestre. In sostanza 1800 euro annui per 120 spot (alla media di uno ogni tre giorni), a prescindere che i video siano caricato sullo spazio web del sito o linkati da servizi quli YouTube.
Imperversano le polemiche sul web e la SIAE ha dato una risposta oggi sul proprio sito che per dovere (e completezza) di cronaca riportiamo integralmente a seguire. Ci si continua a domandare, però, perché si dovrebbe pagare per pubblicare (in maniera del tutto limitata tra l’altro) dei video che spesso e volentieri sono gli stessi autori ad inviare ai vari siti o blog specializzati.

Diritto d’autore anche per le musiche dei trailer

La polemica oggi presente su newsletter e blog riguardo ai diritti sulla musica contenuta nei trailer, accende il faro su una regola da sempre contenuta nella legge italiana e nei trattati internazionali, per cui se una musica viene utilizzata l’autore di quella musica ha diritto ad un compenso. La SIAE è solo lo strumento attraverso il quale questa regola viene fatta rispettare.
Ricordiamo brevemente il contesto. In questi giorni la SIAE ha invitato numerosi siti di trailer a carattere commerciale a regolarizzare la propria posizione poiché diffondere al pubblico colonne sonore senza aver assolto i diritti rappresenta una violazione della legge. Nell’interesse di tutta la filiera cinematografica (incluse le riviste on line che si dedicano all’audiovisivo) è importante diffondere la cultura del rispetto dei diritti degli autori anche su Internet.
I magazine e i blog cinematografici on line e gli altri siti aumentano la loro attrattività verso gli utenti (e quindi verso gli inserzionisti pubblicitari) arricchendo con i trailer e con la musica in genere i loro contenuti. E’ una bella opportunità offerta dal digitale con costi che, grazie alle soluzioni tecnologiche disponibili, come embedding e deep link, sono ormai alla portata di moltissimi siti e blog. In questo modo la rete è un vivaio di iniziative e di idee ed è anche un motore di sviluppo economico. Chi riesce ad azzeccare l’idea commercialmente più valida e a veicolarla ad un pubblico sempre più vasto, ha la possibilità di beneficiare economicamente della sua attività e del suo spirito imprenditoriale.
La musica è chiaramente tra le materie prime dei contenuti audiovisivi come i trailer. Dov’è la sorpresa se un’impresa deve pagare quando si procura le materie prime per fare business? Grazie ai produttori e ai distributori cinematografici i trailer arrivano pronti all’uso ai siti e alle riviste on line che trattano dell’argomento. L’unico diritto da pagare è quello per le colonne sonore. Chi le utilizza dovrebbe trovare tutti i titolari delle varie musiche, ma con la licenza della SIAE gli utenti risolvono il problema con un unico pagamento.
La licenza della SIAE è quindi una soluzione pratica per chi vuole rispettare la legge.
La questione dei trailer e più in generale dei contenuti audiovisivi promozionali è stata trattata con l’AGIS e con l’ANICA, che rappresenta produttori e distributori, ovvero coloro che sono anche i proprietari originali dei trailer.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento