In primo piano

Drago D’Oro, ecco i 5 finalisti per il Miglior Videogioco Italiano

drag_d_nero

Si alza il sipario sui titoli selezionati per aggiudicarsi la statuetta di Miglior Videogioco Italiano del 2014 per il Premio Drago D’Oro Italiano.

La rosa di cinque candidati include: In Space We Brawl, Magnifico – Da Vinci’s Art of War, Murasaki Baby, SBK14 Official Mobile Game e Sleep Attack.

Il Drago D’Oro Italiano, lo ricordiamo, è la sezione del Premio Drago D’Oro dedicata ai videogiochi realizzati da studi di sviluppo made in Italy e comprende quattro categorie: Miglior Game Design, Miglior Realizzazione Tecnica, Miglior Realizzazione Artistica, e Miglior Videogioco Italiano.
I vincitori saranno annunciati nel corso della serata di premiazione in programma il 24 marzo a partire dalle 19 presso l’auditorium del MAXXI di Roma – Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo.

La Giuria, che ha decretato la rosa dei finalisti e valutato le numerose candidature spontanee ricevute, è presieduta dal giornalista de La Repubblica Jaime D’Alessandro e composta dai giornalisti delle principali testate d’informazione e dai giornalisti di riferimento della stampa specializzata. Special guest Giorgio Maria Daviddi, più conosciuto come Giorgio del Trio Medusa, artista italiano e appassionato videogiocatore.

I CINQUE FINALISTI

Uno sguardo più da vicino ai cinque titoli che si contenderanno il titolo di Miglior Videogioco Italiano:

  • In Space We Brawl, sviluppato da Forge Reply, è uno sparatutto multiplayer disponibile per PlayStation 4 e PlayStation 3. In uno spazio ricco di insidie – tempeste solari, creature aliene, asteroidi esplosivi, buchi neri – fino a 4 giocatori possono sfidarsi o collaborare per il dominio dei campi di battaglia galattici.
  • Magnifico – Da Vinci’s Art of War è un gioco di strategia dedicato alle macchine e alle armi progettate da Leonardo Da Vinci realizzato da Mixel / Kaleidos e disponibile per iOS, Android e Steam. Ambientato nell’Europa di inizio ‘500, racconta come sarebbe stato il mondo in quell’epoca se le invenzioni di Leonardo fossero state effettivamente realizzate.
  • Murasaki Baby, sviluppato da Ovosonico, è un platform disponibile per PlayStationVita. Il giocatore prende per mano una bambina, Baby, e la accompagna in un viaggio da incubo alla ricerca di sua madre attraverso un mondo di meraviglie rappresentato con uno stile unico che sembra disegnato a mano.
  • SBK14 Official Mobile Game è il gioco di corse motociclistiche su licenza ufficiale del Campionato Mondiale eni FIM Superbike realizzato da Digital Tales per iPhone e iPad. Scegliendo tra 27 piloti ufficiali e 16 scuderie, il giocatore può rivivere l’emozione di guidare sui 13 circuiti del Campionato, riprodotti nei minimi particolari.
  • Sleep Attack è un gioco di strategia realizzato da Bad Seed e disponibile per iOS e Android. Il giocatore ruota, gira e controlla il mondo con le sue mani per sconfiggere i nemici e proteggere il pingue protagonista Ubaldo attraverso un folle viaggio onirico colmo degli incubi più bizzarri.

I CANDIDATI DELLE ALTRE CATEGORIE MADE IN ITALY

Accanto al Miglior Videogioco Italiano, i giurati hanno selezionato anche le nomination per le altre tre categorie che valorizzano gli aspetti tecnici e artistici e il game design dei titoli made in Italy.

  • Per il Miglior Game Design i titoli finalisti sono: In Space We Brawl (Forge Reply), Murasaki Baby (Ovosonico), SBK14 Official Mobile Game (Digital Tales), Sleep Attack TD (Bad Seed), UFHO2 (Tiny Colossus).
  • Per la Miglior Realizzazione Artistica  in nomination i seguenti giochi: In Space We Brawl (Forge Reply), Magnifico – Da Vinci’s Art of War (Mixel / Kaleidos), Maria the Witch (NAPS Team), Murasaki Baby (Ovosonico), Sleep Attack TD (Bad Seed).
  • Infine, per la Migliore Realizzazione Tecnica sono stati selezionati i seguenti titoli: In Space We Brawl (Forge Reply), Magnifico – Da Vinci’s Art of War (Mixel / Kaleidos), Murasaki Baby (Ovosonico), SBK14 Official Mobile Game (Digital Tales), Sleep Attack TD (Bad Seed).

Ti potrebbero interessare

Commenta questo articolo