Prime Impressioni

Call of Duty: Advanced Warfare, Prova dalla Gamescom 2014

89 Visualizzazioni

call-of-duty-advanced-warfare

Di Antonio Patti, nostro inviato

Colonia. La prova di Call of Duty: Advanced Warfare si è concentrata su alcune modalità multigiocatore offerte dal gioco di Activision.
Abbiamo provato i classici Cattura la bandiera e Team Deathmatch ma anche la nuova modalità Uplink sulla versione di gioco Xbox One, console su cui era basata l’anteprima a porte chiuse in quel di Colonia in occasione della Gamescom 2014.

GRAFICA PIU’ SOLIDA, GAMEPLAY CON ASSI NELLA MANICA

call of duty advanced warfare 1208 3

Prima di entrare nel dettaglio delle varie modalità occorre spendere delle parole per il comparto tecnico ordito da Sledgehammer Games, sviluppatori del gioco. Graficamente, il nuovo Call of Duty, si è presentato più solido che in passato, fluido e sempre reattivo nella risposta ai comandi.

Il comparto sonoro ci è sembrato quello di sempre, così come il comportamento fisico di armi, corpi e cose.

Assente qualsivoglia interazione ambientale, quasi a voler rimarcare una specie marchio di fabbrica per distinguersi dal concorrente diretto: Battlefield. Peccato che i concorrenti siano di più, Titanfall e l’arrembante Destiny sembrano più avanti rispetto a Call of Duty, ma la produzione di Activision ha diversi assi nella manica.

Call of duty advanced warfare tecnologia futura ed esoscheletro

Prima di tutto l’implementazione dell’esoscheletro potenziato, in dotazione ad ogni soldato, permette un doppio salto comodo per raggiungere punti elevanti impossibili da conquistare naturalmente.
Non solo: è possibile fare una schivata più estesa o cagionare più danni fisici quando ci si ritrova a tu per tu con l’avversario.

L’altro asso nella manica è dato dalla leggera rivisitazione della personalizzazione del proprio alter-ego, che riparte dal graditissimo sistema di Call of Duty: Black Ops II e lo espande garantendo centinaia di nuove personalizzazioni e senza mai scadere nello sbilanciamento.

Infine c’è un ulteriore potenziamento, chiamato Exo, che permette di ottenere, per alcuni secondi, certi vantaggi: invulnerabilità ai proiettili, maggiore prestanza fisica, migliore capacità di usare certe armi ed altro ancora.

LE MODALITA’ PROVATE

call of duty advanced warfare 1208 4

La prima modalità che abbiamo provato è stata Cattura la bandiera. Il gioco è veloce, frenetico ma non per questo privo di tattica. Se affiancati dai giocatori giusti è possibile accerchiare oppure adottare strategie di ingaggio più particolari, magari coadiuvati dall’esoscheletro che permette azioni prima impossibili da concepire.
Siamo stati più volte messi al centro del fuoco incrociato nemico perché era più abile nello sfruttare la prestanza fisica data dall’equipaggiamento futuristico, mentre noi pensavamo di fare qualcosa con le nostre sole forze.

In modalità Team Deathmatch le sensazioni sono quasi identiche a quelle che si provano sugli altri giochi della serie. Durante questa prova abbiamo notato che l’uso del doppio salto è limitato alle zone che gli sviluppatori hanno previsto, impedendoci di raggiungere altezze e punti desiderati nonostante fossimo nel pieno centro della mappa.
Forse, trattandosi di una versione dimostrativa, non tutte le peculiarità di gioco erano disponibili e complete e al di là di questi impedimenti abbiamo comunque constatato che lo sviluppo dell’azione anche in verticale aggiunge nuova linfa ad una modalità che potrebbe sempre correre il rischio di ristagnare dopo poche partite.

COD ADVANCED WARFARE MULTIPLAYER TRAILER THUMBNAIL

La modalità Uplink è quella nuova ed inedita per la serie. Si tratta di una variante di Cattura la bandiera e ricorda, per certi aspetti, la modalità Teschio vista in Halo.
Due squadre si scontrano e lottano per ottenere una sfera che contiene dati importanti. Questa, una volta raccolta, impedisce di usare le armi (va tenuta con entrambe le mani) e deve essere portata al sistema di Uplink più vicino per far breccia nelle difese informatiche nemiche. Vince la squadra che esegue questa operazione più volte.

CONCLUSIONI

Durante la prova, durata circa quaranta minuti, il tempo è proprio volato, segno che l’intrattenimento offerto dal prossimo Call of Duty: Advanced Warfare riesce a coinvolgere ed appassionare.

La velocità delle partite, il classico sistema di ricompense e le novità introdotte in sede di personalizzazione delle classi di battaglia chiudono un cerchio quasi perfetto. Bisogna capire, da una prova del prodotto finale, se le limitazioni avvertite in sede di prova siano vere oppure no. Occorre inoltre capire se dopo la generale delusione di Call of Duty: Ghosts, che ha spinto molti veterani della serie a tornare al sempreverde Black Ops II, Advanced Warfare riesca a tenere l’onda dell’entusiasmo e la lancetta dell’interesse sempre sopra i livelli di guardia.

La concorrenza si sta facendo sempre più agguerrita, non c’è solo Battlefield da cui guardarsi le spalle, E l’utenza si sta facendo sempre più esigente.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento