Articoli

Wasteland 2, Fargo parla del party, del sistema di combattimento ed altro

9 Visualizzazioni

Brian Fargo, parla a VG247 del party, dei personaggi e del sistema di combattimento, che i giocatori testeranno in Wasteland 2, gdr vecchio stampo finanziato su Kickstarter ed in fase di sviluppo dalla software indipendente  inXile Entertainment.
Fargo parla di un’esperienza hardcore fino all’ultimo pixel. L’inizio dell’intervista è dedicata ai compagni che potranno anche avere comportamenti non consoni ai canoni a cui si è abituati. Alcuni potranno anche tradire. Il tutto si rifà all’ambientazione post apocalittica che vede un mondo popolato da persone prive di scrupoli e morale.

Fargo spiega:

Quando si avvia il gioco, si potranno creare quattro rangers con gli attributi e le competenze che si desidera. Lungo il viaggio, si potrà anche incorrere in molti altri png (personaggi non giocanti) che possono unirsi al gruppo condotto dal giocatore. Ognuno di questi ha una personalità diversa con vantaggi e svantaggi. Alcuni potrebbero essere incredibilmente fastidiosi ma con capacità di cui difficilmente si potrebbe fare a meno. E’ tutta una questione di scelte e compromessi in Wasteland”.

E parla della morte permanente, simbolo distintivo di un’esperienza di gioco non adatta ai novellini.

Avremo effettivamente la morte permanente nel gioco. Se si fa una decisione sbagliata ed un compagno del party perde la vita non tornerà. Siamo impegnati a realizzare un gioco di ruolo vecchia scuola e stiamo sicuramente cercando di fare questa esperienza nocciolo duro. Dopo aver reclutato un compagno nella propria squadra, lo si controlla in combattimento insieme con i vostri ranger altri. Abbiamo più di 30 competenze che possono essere acquisite nel gioco e nessuno ranger potrà averle tutte”.

Questo ci fa capire dunque che sarà importante la cooperazione tra i componenti del party ed un certo equilibrio. VG247 parla anche del sistema di combattimento in Wasteland 2 che prende spunto dalla vecchia scuola ma ne aumenta la velocità. Sembrerebbe una contraddizione ma Fargo dice la sua.

Amiamo i giochi di strategia a turni nei gdr ma a volte, sappiamo che potrebbe essere monotono in combattimento. Abbiamo giocato e studiato molti dei popolari esponenti di questo genere degli ultimi 20 anni tra cui Fallout Tactics, X-com, Final Fantasy Tactics, Jagged Alliance, e molti altri. Un esempio che può dare l’idea di quello che stiamo cercando è tagliare il tempo di attesa che si ha durante il turno nemico. Se più nemici avranno la priorità d’attacco su un personaggio, si muoveranno tutti per attaccare insieme. Rallentare l’esperienza di combattimento renderebbe tutto più facile e non aggiunge nulla al gioco anzi, toglierebbe realismo”.

Ricordiamo che Wasteland 2 è il seguito del capostipite dei giochi di ruolo a sfondo post apocalittico. Il progetto su Kickstarter si è chiuso a metà aprile con oltre 3 milioni di dollari raccolti. Wasteland 2 dovrebbe arrivare l’anno prossimo e sicuramente per pc Windows, Mac e Linux. Nondimeno, il cuore di gioco è l’Unity di cui Fargo, papà anche del primo episodio di Wasteland, si è detto entusiasta.

Fonte: VG247

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento