News in breve 4

Max Payne 3 è già a quota 3 milioni di copie

15 Visualizzazioni

Tre milioni di copie vendute in appena cinque giorni. Max Payne 3, uscito su PlayStation 3 ed Xbox 360 venerdì scorso, sbanca e taglia questo importante traguardo in tempi brevissimi. E dire che manca ancora la versione pc che arriverà il prossimo uno giugno.
I numeri, dunque, per il gioco di Rockstar Games, non potranno che lievitare. Non c’è che dire, Max ha fatto i botti…

Ti potrebbero interessare

4 Comments

  • Max Payne 3 l’ho preso è davvero un giocone, mi piace un sacco.

    Però ho la sensazione che abbiano “sfruttato” il nome Max Payne per vendere il gioco, perché come storia può benissimo essere giocata da sola, senza conoscere i capitoli precedenti. Niente di male, intendiamoci, anzi, sfruttando il nome in copertina comunque spingono un gioco che merita, sarebbe stato deprecabile se il gioco avesse fatto schifo.

    Quello che voglio dire è che se il gioco invece che Max Payne 3 si fosse chiamato “Giannino Patrulo 1” sarebbe stata la stessa cosa.

    • comprendo benissimo 🙂

    • Beh sì in generale la storia può essere compresa senza aver giocato i capitoli precedenti, eppure non sono completamente d’accordo con il tuo post. Ci sono molti riferimenti (già il filmato dei titoli di testa lo è ) ai capitoli precedenti, persino alcuni pensieri del protagonista li richiamano. Insomma penso che per godersi appieno questo gioco e la sua atmosfera bisogna aver giocato i primi due episodi, penso dunque che Rockstar abbia fatto un ottimo lavoro, senza discostarsi dal mondo creato da Remedy. 🙂

      • Sì, Chiara, è vero, il mondo è più o meno quello, le meccaniche sono un approfondimento di quelle dei capitoli precedenti, eppure, almeno a me, dà la sensazione che poteva benissimo essere un gioco stand alone, magari una nuova saga, senza i riferimenti, avrebbe funzionato benissimo lo stesso.

        Certo è che il nome “Max Payne” vende bene, quindi è un ottima pubblicità, cosa che non avverrebbe con una nuova IP che deve essere lanciata, creare affezione nel pubblico ecc…ecc…

        E’ innegabile che sia una strategia di marketing e per fortuna applicata ad un gioco bello.

        Poi, oh, io sono un Nerd disincantato che ama i personaggi seminegativi, con il passato tormentato, poliziotti corrotti, gente uscita macellata dalla vita e cose del genere, quindi apprezzerei sto gioco anche con un altro nome…

        Cmq le mie sono considerazioni, non critiche negative, intendiamoci… 😀

Lascia un commento