Articoli

Dear Esther supera quota 100.000 download

38 Visualizzazioni

 

Significativo traguardo per Dear Esther. L’avventura indie realizzata da Thecineseroom ha superato infatti quota 100.000 download. Risultato raggiunto grazie anche alla promozione a metà prezzo, ancora in corso (scadrà alla mezzanotte di oggi, ndr) su Steam ed al suo approdo su Mac. Ne ha dato notizia lo stesso team sulla pagina ufficiale del gioco.
Il gioco, nato come mod di Hal Life 2, è uscito a febbraio ed è stato molto apprezzato dalla critica. In poche ore aveva già ricoperto i costi di realizzazione e già questo dato era importante.
Uno degli sviluppatori, Robert Briscoe, non si aspettava questo successo.

E scrive sul sito ufficiale:

“Late last night Dear Esther hit a phenomenal 100,000 sales! This is a huge landmark for us and I’m still completely taken aback by how well it’s done. I have to admit I was a little unsure as to what to expect from sales of Dear Esther once we went to retail, we all were – there was no real benchmark to go by at the time, so I’m extremely pleased to see so many people enjoying the game, and most importantly, proving that gamers are open and eager to new ideas and experiences outside of the boundaries of  ’traditional’ gameplay. Thanks to everyone who has supported us through this journey, and who will hopefully continue to support us in the future!”.

 Che tradotto vuol dire:

L’altra sera, sul tardi, Dear Esther ha raggiunto il risultato fenomenale di 100.000 copie vendute! Per noi è davvero un momento importantissimo, e sono ancora stupito di quanto sia andato bene. Devo ammettere che ero un po’ insicuro, non sapendo cosa attendermi da Dear Esther una volta messo in vendita. Lo eravamo tutti, non c’era nessun punto di riferimento per farsi un’idea, all’epoca. Per questo motivo sono estremamente lieto del fatto che così tanta gente stia apprezzando il gioco, e più importante ancora, stia dimostrando che i giocatori sono aperti e desiderosi di nuove idee ed esperienze che escano dai confini della giocabilità ‘tradizionale’. Grazie a tutti coloro che ci hanno sostenuto nel corso di questo viaggio, e che speriamo continueranno a sostenerci anche in futuro!”.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento