Articoli

Crysis 2 è il gioco più piratato del 2011, a seguire Modern Warfare 3 e Battlefield 3

16 Visualizzazioni

E’ fine anno e naturalmente in questo periodo di bilanci spuntano le classifiche più disparate. Tra queste, una molto attesa è quella relativa ai giochi più piratati.
Anche quest’anno il titolo più scaricato illegalmente è un fps, ossia uno sparatutto in prima persona. Se l’anno scorso fu Call of Duty Black Ops, questo 2011 è nel segno di Crysis 2.
Dai dati diffusi da TorrentFreak emerge come lo sparatutto futuristico di Crytek ed Electronic Arts sia stato scaricato quasi 4 milioni di volte a partire da marzo, periodo in cui il gioco è uscito.
Stiamo parlando della versione pc. Nella speciale classifica, Crysis 2 supera di poco Modern Warfare 3 che si è fermato a circa 3.650.000 copie illegali ma con una differenza: il gioco è uscito a novembre, ben otto mesi dopo. Cosa sarebbe successo se il debutto fosse arrivato ad inizio anno? Sul podio un altro fps, Battlefield 3.
Il titolo più piratato del 2011 su Wii é Super Mario Galaxy con quasi 1,3 milioni di copie mentre su Xbox 360 a dominare è Gears of War 3.
Il sito in questione (TorrentFreak) spiega che su PlayStation 3 non ci sono numeri degni di nota. Vi lasciamo alle top 5 di pc, Nintendo Wii ed Xbox 360.

TOP FIVE PC

  1. Crysis 2 (3.920.000) (marzo)
  2. Call of Duty: Modern Warfare 3 (3.650.000) (novembre)
  3. Battlefield 3 (3.510.000) (ottobre)
  4. FIFA 12 (3.390.000) (settettembre)
  5. Portal 2 (3.240.000) (aprile)

TOP FIVE WII

  1. Super Mario Galaxy 2 (1.280.000) (marzo)
  2. Mario Sports Mix (1.090.000) (febbraio)
  3. Xenoblade Chronicles (950.000) (agosto, solo in Europa)
  4. Lego Pirates of the Caribbean (870.000) (maggio)
  5. FIFA 12 (860.000) (settembre)

TOP FIVE XBOX 360

  1. Gears of War 3 (890.000) (settembre)
  2. Call of Duty: Modern Warfare 3 (830.000) (novembre)
  3. Battlefield 3 (760.000) (ottobre)
  4. Forza Motorsport 4 (720.000) (ottobre)
  5. Kinect Sports: Season Two (690.000) (ottobre).

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento