Articoli

Mass Effect 3, una copia privata della Beta finisce per sbaglio su Xbox Live

2 Visualizzazioni

Capita anche questo. Una copia privata della Beta di Mass Effect 3 finisce per sbaglio su Xbox Live. Non sia come mai sia capitato questo clamoroso errore (che già siti e blog specializzati hanno ribattezzato in gergo familiare Epic Fail) da parte di Microsoft.
Non si sa tantissimo ma quello che è emerso è interessante. La campagna per singolo giocatore, ad esempio, potrà essere affrontata scegliendo fra tre diverse modalità che verranno elencate di seguito. Un bell’inchiappo (parola palermitana per dire pasticcio) da parte di Microsoft che ha già proveduto a togliere la Beta dalla circolazione.
Chi, però, è riuscito a scaricare il file (circa 2 giga di roba senza troppe rifiniture tecniche) ha scattato foto e video. Su NeoGaf troverete l’impossibile.
A gennaio ci saranno Beta mulitiplayer e demo single player mentre ad inizio marzo, il terzo capitolo della serie targata BioWare che vedrà l’addio di Shepard alla serie arriverà nei negozi per pc e console.

  • Action Mode: la storia passerà in secondo piano a beneficio dell’azione pura con tutto quello che ne consegue. Sarà impossibile scegliere le risposte durante i dialoghi con i vari personaggi non giocanti.
  • Story Mode: la modalità di gioco classica ma con una piccola differenza. I combattimenti saranno meno ostici sarà più facile l’esplorazione degli ambienti ed andare a fondo alla trama di gioco.
  • RPG Mode: combattimenti impegnativi, crescita del proprio personaggio e totale approfondimento della storia principale. In sostanza è la modalità consigliata agli appassionati di giochi di ruolo e della serie Mass Effect in particolare.

Come avrete notato, tutti i palati sono stati soddisfatti, dall’amante del puro gdr a quello che adore gli fps. O almeno sarebbero visto che il condizionale è d’obbligo. Di certo, questo errore sarà stato grave ma non necessariamente dannoso: l’attesa per gli appassionati e per i curiosi comincia a farsi sentire.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento