Recensioni 1

Haraka

Rapido, frenetico, simpatico e, cosa da non poco, originale seppur si basi su un concetto vecchio quanto gli albori videoludici.
E’ questo in estrema sintesi l’identikit di Haraka, gioco su AppStore made in Italy realizzato dal team nostrano MentalDrink formato dai fratelli Lattanzio, Antonio (direttore e programmatore del progetto) e Raffaele (che si è occupato della grafica e del game-design), in collaborazione con gli australiani di Studio Joho.
Il costo irrisorio (79 centesimi di euro su AppStore), e molte altre caratteristiche lo rendono un acquisto consigliato soprattutto per chi vuole passare qualche minuto di adrenalina sul vostro iPhone, iPod o iPod Touch.

IL GAME-PLAY RICORDA I CLASSICI ARCADE

Ambientazioni “spaziali” per Haraka che graficamente è molto pulito ed incontra i favori del pubblico

Punto di forza di Haraka è il game-play. E’ vero: ricorda tanto le dinamiche di Pong, Arkanoid e, come scritto in un post ad inizio settimana, anche lo sport dello squash per alcuni aspetti.
Scopo di Haraka è infatti mandare una pallina dall’altra parte dello schermo prendendola a colpi di bo, ed utilizzando in proprio favore i vari bonus che svolazzeranno nello schermo senza che l’avversario riesca a prenderla al volo. Chi arriva ad un certo numero di punto (da 10 a 30 a secondo delle opzioni e del livello di gioco) vince il set o la partita. Protagonisti di questo gioco sono due ninja che si sfidano in una sorta di ping pong con sfumature di squash e possono andare nelle pareti laterali ovviamente senza passare la metà campo per piazzare colpi devastanti o salvare l’impossibile: se la sfera toccherà anche la parete laterale al di là della rete sarà dato un punto. E’ è possibile fare anche con tiri calibrati due o più punti con un solo tiro.
I comandi sono semplicissimi: basterà toccare lo schermo a destra e sinistra del proprio dispositivo per muovere il ninja e fargli colpire la sfera.

UNA BUONA REALIZZAZIONE TECNICA

 

Di buon livello la realizzazione tecnica di Haraka. Lavoro pulito, privo di sbavature (almeno evidenti). Bella, anche se semplice, la grafica, molto limpida e ben animata. Le ambientazioni spaziali danno un tocco artistico interessante. Una nota va algli effetti sonori. Se giocherete con gli auricolari, il rimbalzo della pallina nei deflettori laterali ed orizzontali diventerà un’ossessione. Buone, invece, le musiche.

MODALITA’ DI GIOCO E LONGEVITA’

Una decina le arene in Haraka ognuna di difficoltà crescente che se superate daranno bonus al nostro ninja armato di bo. Non sarà per niente facile arrivare fino alla fine, gli stage oltre ad essere (ovviamente) più difficili saranno anche più lunghi e gli avversari saranno sempre più temibili.
E’ anche possibile giocare in multiplayer (locale) con due giocatori che utilizzano lo stesso dispositivo.
Da ottobre dovrebbero esserci degli aggiornamenti che aggiungeranno altre caratteristiche: 4 nuovi pods (magnet; multiball, ghost e fireball), Dash e Charge Bo-Staff Power (sbloccabili), supporto HD, la modalità Infinity ed il Finale a sorpresa.

CONCLUSIONI

Haraka è un buonissimo gioco. Soprattutto se si esamina il rapporto qualità-prezzo. La realizzazione tecnica è di livello mentre il game-play frenetico è stato congegnato molto bene. Ottime le musiche e gli effetti sonori. La longevità si attesta su livelli discreti anche perché la difficoltà è ottimamente calibrata anche se in alcuni tratti si maledirà la velocità della pallina o i pod che danno malus. Un simpatico miscuglio di tanti classici con protagonisti dei ninja armati di bo che si sfidano in queste partite in simil-tennis dalle ambientazioni futuristiche. Da provare, e poi è made in Italy. Bella dimostrazione di come si possa fare un gioco divertente in meno di venti mb (tanto è la grandezza del file su AppStore). Un plauso va ai MentalDrink per un titolo che ha moltissime potenzialità.

 

 

Pregi

Realizzazione tecnica di livello. Ottimo game-play. Piccoli spunti geniali.

Difetti

In alcuni tratti diventa veramente difficile.

Voto

8,5

Ti potrebbero interessare

1 Commento

    Commenta questo articolo