Articoli 5

Haraka, il ping pong… giocato dai ninja made in Italy, secondo MentalDrink

Avete mai visto dei ninja giocare a ping pong ed usare il loro bo al posto della racchetta? Bene, preparatevi perché Haraka è disponibile su AppStore al prezzo di 79 centesimi di euro. Il gioco per iPhone ed iPod Touch è alquanto originale ed è realizzato dal team italiano MentalDrink formato dai fratelli Lattanzio, Antonio (direttore e programmatore del progetto) e Raffaele (che si è occupato della grafica e del game-design), in collaborazione con gli australiani di Studio Joho. Le dinamiche ricordano Pong, ma anche un po’ Arkanoid ed anche lo sport dello squash.
Lo scopo è quello di spostarsi lateralmente e ribattere una sfera nel lato opposto cercando di spiazzare l’avversario e guadagnare punti. Si possono anche colpir le pareti laterali di questa arena.
Idea semplice per un game-play frenetico arricchito anche dai power up e dai malus che vagheranno nell’arena di gioco.
La versione attuale ha due modalità: quella in singolo con sfide di livello sempre più crescente e multiplayer (locale) con due giocatori che utilizzano lo stesso dispositivo ma gli aggiornamenti, previsti per ottobre, aggiungeranno il supporto al Game Center, 4 nuovi pods (magnet; multiball, ghost e fireball), Dash e Charge Bo-Staff Power (sbloccabili), supporto HD, la modalità Infinity ed il Finale a sorpresa.
A seguire la slide con alcune immagini del gioco.

Ti potrebbero interessare

5 Comments

  • Commenta
    Taz77
    12 settembre 2011

    Io l’ho preso ed e’ davvero bello…

    • Commenta
      Edoardo Ullo
      12 settembre 2011

      Grazie per il commento e per il consiglio. Nel week-end, se tutto andrà bene, faremo una recensione su questo interessante gioco Made in Italy 🙂

      • Commenta
        Raffaele Lattanzio
        13 settembre 2011

        grazie per l’interessamento sul game!
        Aspettiamo con ansia la recensione.
        Raffaele Lattanzio

        • Commenta
          Edoardo Ullo
          13 settembre 2011

          Grazie a voi per il supporto. Come dicevo ad Antonio, spero di farla nel week-end, impegni di lavoro permettendo. Mi prendo il tempo che serve, non voglio fare cose affrettate e mi voglio godere il gioco 🙂

Commenta questo articolo