Diario di un videogiocatore 4

Diario di un videogiocatore week 29 – Led Storm (colonna sonora, C64)

Il nostro diario ci porta, come ogni venerdì, indietro nel tempo. Questa volta torniamo al 1989 per ascoltare la colonna sonora di Led Storm, arcade non troppo famoso di Arcade. Qui vi riproponiamo alcuni video con le musiche della conversione su Commodore 64 di questo gioco di corse automobilistiche composte da Tim Follin, conosciuto anche per aver realizzato le musiche di Ghouls ‘n Ghosts, Ecco the Dolphin: Defender of the Future (Dreamcast), Spider-Man/X-Men: Arcade’s Revenge (Super Nintendo), and home computer ports of Bionic Commando (C64, Amiga).
Insomma, uno che ci sa fare. Il primo video è la colonna sonora dei titoli che all’inizio ricorda Smoke on the Water, celebre (a dir poco) brano dei Deep Purple. Molto interessanti anche le altre tracce che troverete a seguire. Tanti i pomeriggi ad ascoltare il gioco, caricandolo e ricaricandolo più volte.

Il brano (breve) in questione riguarda le info sul circuito prima della gara.

Discreto questo brano, ma c’è di meglio…

Già va molto meglio, almeno dal punto di vista personalissimo…

Forse un po’ ripetitiva, ma è molto appropriata.

E la chiusura con il classico High Score.

Ti potrebbero interessare

4 Comments

  • i video che hai linkato sono delle cover non sono le originali vere e proprie!

    • Commenta
      Edoardo Ullo
      27 ottobre 2011

      Federico, grazie per l’intervento: sono contento che qualcuno sia appassionato di musica “commodoriana”.
      E’ probabile che siano cover, ma se fosse così sono fatte molto (troppo) bene. Probabile che chi abbia fatto i video con le musiche abbia pulito molto il suono che è leggermente più pulito rispetto all’originale sul sid.

  • Sì le cover sono molto accurate però le originali non si superano :)) , sono contento che altri come me ascoltino canzoni di console vecchiotte, saluti :)!.

    • Commenta
      Edoardo Ullo
      8 novembre 2011

      Ti ripeto: sono cresciuto con loro hehehe. Il mo preferito era però Jeron Tel. Ma non conto le emozioni che mi ha regalato il SID.

Commenta questo articolo