Articoli

PSN fermo da 7 giorni, forse online la prossima settimana?

12 Visualizzazioni

Continua il buio sul PlayStation Network. Sono ormai 7 giorni che in Europa il servizio online riservato agli utenti PlayStation 3 e PSP è offline e non si ha accesso ad alcun dato. Impossibile, per ora, non solo l’accesso per giocare online ma anche al negozio (il PlayStation Store) per l’acquisto di contenuti aggiuntivi, giochi e film.
E’ noto che l’attacco degli hacker, avvenuto tra il 17 ed il 19 aprile, sia stato causa del fermo cautelativo da parte di Sony.
In sostanza la casa giapponese ha spento i server per questioni di sicurezza e sta ricostruendo tutta la rete per evitare nuovi attacchi simili. Mossa, a quanto pare, tardiva perché potenzialmente i dati di 77 milioni di utenti di tutto il mondo potrebbero essere stati frugati dagli hacker. Ne hanno chiesto conto e ragione anche alcuni enti pubblici stranieri.

LA RIAPERTURA? FORSE LA SETTIMANA PROSSIMA

Sony ha pubblicato sul PlayStation blog alcune domande comuni e risposte (le cosiddette Faqs, ndr) per chiarire la situazione. Tra queste quella relativa alla riapertura del servizio online che potrebbe rivedere la luce tra questo fine settimana e la prossima ma solo se la rete sia sicura.

SONY CHIEDE AIUTO ESTERNO PER LA SICUREZZA…

Da questo post è emerso che Sony, come già comunicato ai suoi utenti per mezzo di una notifica ufficiale via mail, ha ingaggiato una società esperta in sicurezza e stia lavorando con le forze dell’ordine per ricostruire l’accaduto ed andare a colpire i pirati che hanno avuto accesso ai dati sensibili.

… MA RASSICURA GLI UTENTI

Una delle risposte più importanti in merito alla sicurezza è quella sui dati personali criptati. Sony spiega che i dati sono stati protetti e l’accesso è stato limitato fisicamente che in rete. I dati delle carte di credito sono state criptate e non ci sono prove che siano stati presi da esterni.
Ulteriori spiegazioni in questo post.
Ovviamente vi terremo aggiornati su tutto l’evolversi della situazione.

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento