Eventi

Oggi Zelda festeggia le Nozze d'argento

14 Visualizzazioni

 

Venticinque anni e non sentirli. Come già fatto 12 mesi fa per Super Mario, Nintendo festeggia le nozze d’argento di The Legend of Zelda, uno dei giochi divenuto poi icona distintiva del colosso videoludico giapponese.
Era infatti il 21 febbraio del 1986 quando Nintendo pubblicò sul Famicon (il famosissimo Nintendo ad 8 bit, ndr), il titolo facendoci conoscere Link ed il suo mondo fantasy.

Da allora, ne sono passati tanti di pixel sotto i ponti. E ben 17 giochi della serie distribuiti su Famicon, Super Famicon, Game Boy Color, Nintendo 64, Game Cube, Wii e Nintendo DS, sono venuti alla luce vendendo quasi 60 milioni di copie in tutto il mondo.
Una cifra ragguardevole che conferma l’equazione comune Nintendo=Zelda paragonabile solo a Nintendo=Super Mario anche se i giochi dell’idraulico pseudo italico rimangono i più famosi, almeno qui nel nostro Bel Paese.
E così, la casa del Sol Levante vuole celebrare al meglio queste nozze d’argento con la pubblicazione di due giochi in questo 2011.
Il primo è il remake di Ocarina of Time, che a detta di molti è il miglior titolo della saga, per il Nintendo 3DS; il secondo, invece è il prossimo capitolo della serie che si intitola Skyward Sword in programma per Nintendo Wii. Ci aspettiamo anche iniziative promozionali come bundle dedicati ed altro. Cosa aggiungere? Ah, si. La cosa più importante: auguri Zelda.

Ecco i titoli della serie.

  • 1986 –  The Legend of Zelda
  • 1987 – The Adventure of Link
  • 1991 – A Link to the Past
  • 1993 – Link’s Awakening
  • 1998 – Ocarina of Time
  • 1998 – Link’s Awakening DX
  • 2000 – Majora’s Mask
  • 2001 – Oracle of Seasons
  • 2001 – Oracle of Ages
  • 2002 – A Link to the Past & Four Swords
  • 2002 – The Wind Waker
  • 2003 – Ocarina of Time: Master Quest
  • 2004 – Four Swords Adventures
  • 2004 – The Minish Cap
  • 2006 – Twilight Princess
  • 2007 – Phantom Hourglass
  • 2009 – Spirit Tracks
  • 2011 – Ocarina of Time 3D
  • 2011-12 – Skyward Sword

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento