Articoli 2

Dopo 17 anni, Bizarre Creations chiude i battenti

2 Visualizzazioni

 

Oggi è un triste giorno per il mondo dei videogiochi. Bizarre Creations chiude i battenti dopo 17 anni di gloriosa carriera.
Gli sviluppatori della serie Project Gotham, ma anche di Blur e di tanti altri giochi abbastanza famosi, sono stati costretti alla resa. Activision, che nel 2007 acquistò gli studio, aveva annunciato a metà novembre la chiusura della software house di Liverpool per motivi economici.

Purtroppo non c’è stato niente da fare: nessun investitore si è fatto avanti e si è giunti a questo triste venerdì.
I Bizarre Creations, come li conosciamo ora sono nati nel 1994 ma il fondatore, Martyn Chudley quattro anni prima aveva già messo in piedi gli studio con il nome di Raising Hell Software.
L’apice forse nel 1996 quando ci fù la collaborazione con Sony e Psygonosis per lo sviluppo di un gioco ufficiale di Formula 1 che realizzò in poco tempo e che fu un grande successo mondiale.
Ecco la lista dei giochi che hanno sviluppato dal 1990 al 2010.

 

  • The Killing Game Show/Fatal Rewind (1990)
  • Wiz ‘n’ Liz (1993)
  • Formula One (1996)
  • Formula 1 97 / Formula One: Championship Edition (1997)
  • Fur Fighters (2000)
  • Metropolis Street Racer (2001)
  • Fur Fighters: Viggo’s Revenge (2001)
  • Project Gotham Racing (2001)
  • Treasure Planet (2002)
  • Project Gotham Racing 2 (2003)
  • Project Gotham Racing 3 (2005)
  • Geometry Wars: Retro Evolved (2007)
  • Boom Boom Rocket (2007)
  • Geometry Wars: Galaxies (2007)
  • Project Gotham Racing 4 (2007)
  • Geometry Wars: Retro Evolved 2 (2008)
  • The Club (2008)
  • Blur (2010)
  • James Bond 007: Blood Stone (2010)

 

 

Ti potrebbero interessare

2 Comments

  • Se la sono cercata. Fino a Geometry Wars sono stati al centro dell’attenzione ma poi, secondo me, hanno sbagliato gli ultimi colpi. Stare sotto egida Activision, poi, è come avere una spada di Damocle sulla testa ogni giorno. Non a caso Infinity Ward è stata dilaniata a causa di questo controverso publisher.

    Penso, inoltre, che anche sebbene la software house “muoia”, tuttavia i suoi componenti potranno dedicarsi al genere “indie” o trovare subito posto presso altre s.h.

  • Senza dubbio. Activision mi sembra molto simile ad una locusta. Acquista per evitare concorrenza e poi pian piano smembra…

Lascia un commento